Mercoledì 06 Aprile 2016 - 10:00

Regeni, Raimondi (Corte europea diritti): Un caso gravissimo

Ci sono stati episodi di violenza poliziesca in vari Paesi, anche in Francia e in modo più intenso in Turchia, ma mai con dei morti

Regeni, Raimondi (Corte europea diritti): Un caso gravissimo

Il caso Regeni è "gravissimo". A dirlo, in un' intervista a Repubblica, è Guido Raimondi, giudice italiano che dal primo novembre scorso guida la Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo. Tra i tanti casi affrontati, spiega, "non ce n'è uno così grave. Ci sono stati episodi di violenza poliziesca in vari Paesi, anche in Francia e in modo più intenso in Turchia, ma mai con dei morti. Almeno a questo, in Europa, non siamo arrivati". "Ovviamente la Convenzione europea dei diritti dell'uomo non si applica all'Egitto", afferma. "Nella Convenzione il divieto della tortura occupa un ruolo centrale. Si potrebbe pensare che i Paesi europei ne siano immuni, ma non è così, tant'è che anche l'Italia è stata condannata per tortura sia nel noto caso della Diaz e per quello di Abu Omar".  

 

Raimondi sottolinea che in Italia non c'è ancora una norma del codice che punisca la tortura: nella sentenza Cestaro, la Corte "ha detto che sicuramente l'apparato giuridico italiano non è sufficiente, con un invito al legislatore perché intervenga". Sui migranti, "la giurisprudenza riconosce il diritto degli Stati sovrani di regolamentare i flussi migratori, ma non c'è un diritto ad entrare in un Paese. Anche chi lo fa illegalmente ha diritto però alla protezione garantita dalla Convenzione, per cui gli stranieri devono essere trattati con umanità". Dall'11 settembre "le aumentate esigenze di sicurezza rischiano di avere conseguenze anche sui cittadini. La Corte è intervenuta con la sentenza 'Zacharov contro Russia' che ha affrontato il tema della sorveglianza segreta potenzialmente generalizzata e ha concluso per la violazione, da parte russa, della Convenzione". Sui tempi del ricorso di Berlusconi a Strasburgo contro la legge Severino, il giudice dice che "non è possibile calcolarli per colpa dell'arretrato che grava sulla Corte".

 

Il ricorso di Berlusconi non rientra nelle "categorie prioritarie", anche se non ha "dei precedenti". Quanto alle unioni civili, Raimondi cita "la sentenza Oliari", secondo la quale "la mancanza di un quadro legislativo adeguato che permetta di regolamentare le unioni delle stesso sesso viola l'articolo 8. Nel caso 'E.B. contro la Francia' la Corte ha trovato contrario alla Convenzione il diniego all'adozione a una persona basato sulla sua omosessualità
 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana