Sabato 10 Settembre 2016 - 18:30

Regeni, libertà vigilata per il consulente della famiglia

Stabilità da un tribunale del Cairo

Regeni, libertà vigilata per il consulente della famiglia

Un tribunale egiziano ha stabilito oggi la libertà condizionata per Ahmed Abdallah, il presidente dell'ong che segue la famiglia del ricercatore italiano Giulio Regeni, ucciso al Cairo a febbraio. Un rappresentante della Commissione egiziana dei Diritti umani e delle libertà, Mohamed Abdelghani, ha fatto sapere che il giudice ha deliberato la libertà su cauzione per Abdallah ma che il legale non è ancora stato rilasciato. Il consulente della famiglia Regeni non potrà comunque uscire dal Paese e sarà sottoposto a controlli da parte delle autorità ma che non dovrà pagare una penale.
 

Abdallah è stato arrestato a fine aprile con l'accusa di incitamento alle proteste, nell'ambito di una campagna di sicurezza lanciata dal governo prima e durante le manifestazioni del 25 aprile contro la cessione delle isole egiziane del Mar Rosso all'Arabia Saudita. Fino ad oggi il legale è rimasto in carcere insieme a quattro attivisti a cui è stata concessa oggi la libertà condizionata. La Commissione egiziana dei Diritti umani e delle libertà è sempre stata in contatto con la famiglia Regeni per prestare appoggio giuridico e come consulenti in materia di diritto egiziano.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Hollande risponde a Trump: L'Ue non ha bisogno di lezioni

Hollande risponde a Trump: L'Ue non ha bisogno di lezioni

Dalla Francia arriva la replica alle bacchettate del magnate

Crolla il governo in Irlanda del Nord: elezioni il 2 marzo

Crolla il governo in Irlanda del Nord: elezioni il 2 marzo

Sciolta oggi dall'esecutivo britannico l'Assemblea autonoma dello Stato

Messico, sparatoria a un festival techno: anche un italiano tra le cinque vittime

Messico, sparatoria in un locale: un italiano tra le vittime

Si tratterebbe di Daniel Pessina, di origini milanesi. Secondo il procuratore l'agguato non rappresenta un atto di terrorismo

Spari in discoteca a Playa del Carmen: un italiano fra i 5 morti

Messico, sparatoria in una discoteca a Playa del Carmen: un italiano fra i 5 morti

L'agguato è avvenuto al Blue Parrot, uno dei locali dove si stava svolgendo il festival di musica elettronica Bpm