Sabato 10 Settembre 2016 - 18:30

Regeni, libertà vigilata per il consulente della famiglia

Stabilità da un tribunale del Cairo

Regeni, libertà vigilata per il consulente della famiglia

Un tribunale egiziano ha stabilito oggi la libertà condizionata per Ahmed Abdallah, il presidente dell'ong che segue la famiglia del ricercatore italiano Giulio Regeni, ucciso al Cairo a febbraio. Un rappresentante della Commissione egiziana dei Diritti umani e delle libertà, Mohamed Abdelghani, ha fatto sapere che il giudice ha deliberato la libertà su cauzione per Abdallah ma che il legale non è ancora stato rilasciato. Il consulente della famiglia Regeni non potrà comunque uscire dal Paese e sarà sottoposto a controlli da parte delle autorità ma che non dovrà pagare una penale.
 

Abdallah è stato arrestato a fine aprile con l'accusa di incitamento alle proteste, nell'ambito di una campagna di sicurezza lanciata dal governo prima e durante le manifestazioni del 25 aprile contro la cessione delle isole egiziane del Mar Rosso all'Arabia Saudita. Fino ad oggi il legale è rimasto in carcere insieme a quattro attivisti a cui è stata concessa oggi la libertà condizionata. La Commissione egiziana dei Diritti umani e delle libertà è sempre stata in contatto con la famiglia Regeni per prestare appoggio giuridico e come consulenti in materia di diritto egiziano.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Charlie Gard, i genitori: "E' troppo tardi, il trattamento e' inutile

Charlie, l'ultima battaglia dei genitori: Lasciatelo morire a casa

Hanno rinunciato alla possibilità di salvare il figlio dalla malattia incurabile di cui soffre, ma ora genitori di Charlie vogliono portare a casa il bambino

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Intanto i genitori continuano a lottare per portare il bimbo a casa e lasciarlo morire nella sua culla

Libia, il generale Haftar caccia i terroristi da Bengasi

Libia, bozza accordo Serraj-Haftar: Cessate il fuoco ed elezioni

L'impegno del premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar a Parigi durante un incontro promosso dal presidente Macron

Donald Trump al  Summit Bechtel National Scout Reserve in West Virginia

Trump pronto al voto contro Obamacare: Tortura americani

Il tycoon battagliero in un tweet: Ho già la penna in mano