Lunedì 23 Gennaio 2017 - 14:00

Regeni, il sindacalista chiese soldi a Giulio per incastrarlo /VIDEO

Nel filmato la conversazione tra il ricercatore e Mohamed Abdallah, l'uomo che lo denunciò alla polizia

Regeni, il sindacalista chiese soldi a Giulio per incastrarlo: le prove in un video

Un video girato da Mohamed Abdallah, uno dei capi del sindacato degli ambulanti sul quale Giulio Regeni compiva le sue ricerche, dimostra non solo che il ricercatore ucciso in Egitto un anno fa era attenzionato dalla polizia, ma che qualcuno, con tutta probabilità, tentò di incastrarlo.

Nel video trasmesso da una tv egiziana e conosciuto dagli inquirenti dei due Paesi, Abdallah chiede di poter utilizzare a fini personali, per la sua famiglia, fondi che Giulio voleva ottenere tramite borse di studio da destinare al sindacato. Il giovane nega fermamente di poter accontentare il sindacalista, ma lui insiste, per quasi un'ora.

Il video, sottolineano gli inquirenti, non è di tipo amatoriale ma arriva da una microcamera nascosta nell'abito di Abdallah, l'uomo che denunciò Giulio alla polizia.

Il filmato dura un'ora e 55 minuti, e secondo chi indaga può essere stato realizzato solo con apparecchiature in dotazione alla polizia. La telecamera viene accesa quasi un'ora prima del colloquio con il ricercatore, dettaglio questo che dimostra una volta di più il fatto che non si tratti di un video amatoriale, girato con un videotelefono.

Giulio non sa di essere ripreso: il colloquio  avviene il 6 gennaio, in un bar del quartiere Ramses del Cairo, e questo è un altro dettaglio importante per le indagini perché contraddice la ricostruzione fatta nell'autunno scorso dal procuratore della Repubblica Araba d'Egitto Nabil Ahmed Sadek, secondo la quale Abdallah avrebbe denunciato la prima volta Giulio il 7 gennaio 2016.

Invece è evidente che Abdallah aveva parlato di Giulio alla polizia prima di quella data, nell'intervallo compreso tra la riunione del sindacato cui Giulio aveva partecipato, unico europeo presente, a metà dicembre del 2015 e il 6 gennaio, giorno in cui Abdallah probabilmente indirizzato dalla polizia fece la chiacchierata con il giovane.

Loading the player...

LA CONVERSAZIONE TRA GIULIO E IL SINDACALISTA. "Io ho una situazione familiare disagiata. Mia figlia è stata operata il cinque. Mia moglie deve essere operata per cancro. Per cui io sono disposto a buttarmi su qualsiasi cosa, l'importante che ne escano fuori dei soldi!", afferma Mohamed Abdallah nel video girato dal sindacalista.

Ad Abdallah, che chiede a Giulio di usare in modi non consentiti il denaro derivante da un finanziamento che voleva far arrivare grazie alle sue ricerche al sindacato, il giovane risponde in modo chiaro: "Senti, Mohammed, questi soldi non sono i miei. Io non posso utilizzarli a mio piacimento perché sono un accademico e non posso comunicare all'istituto britannico che intendo usare i soldi per fini personali. Si creerebbe un grande problema per i britannici!". Abdallah lo incalza: "Ma non c'è una scappatoia per poter utilizzarli a fini personali?" E Giulio non arretra di un passo: "Non so che dirti! Questi soldi provengono tramite me, ma dalla Gran Bretagna e dal Centro Egiziano. E da quest'ultimo ai venditori ambulanti. Non c'è altra via!".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Esterno dell'Hotel Hilton di Via Galvani con la Polizia

Reggio Emilia, spinta dietro un cespuglio e violentata: è caccia all'uomo

L'uomo è poi riuscito a fuggire e sono in corso le ricerche

Temporali su quasi tuttta Italia, poi torna il sole: il meteo del 23 e 24 luglio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino