Domenica 15 Ottobre 2017 - 23:45

Regeni, i genitori: "Giulio non è un 'caso'. Feriti da come l'ambasciatore è stato rimandato in Egitto"

"Trovare la verità per Giulio è importante perché i giovani cittadini europei si sentano sicuri"

Regeni, i genitori: "Giulio non è un 'caso'. Feriti da come l'ambasciatore è stato rimandato in Egitto"

"Il modo con cui ci è stata comunicata la decisione" di far tornare l'ambasciatore italiano in Egitto "ci ha colpito, ci ha ferito un po'. Si poteva parlarne insieme, se non altro per trovare delle vie". Lo ha detto Claudio Regeni, padre di Giulio, intervistato a 'Che tempo che fa' su Rai1. "Per come ragionano nel Mediterraneo era un resa", ha aggiunto la madre Paola.

"Volevo parlare di alcuni pregiudizi sulla ricerca di Giulio, la sua era economica. Frequentava un corso di studi sullo sviluppo economico e sociale dei Paesi in via di sviluppo con affondi storici. Per questo motivi ci stava un'analisi sui sindacati, lui non studiava solo i sindacati. Tutto si è focalizzato sugli ambulanti perché è stata l'ultima cosa che ha potuto studiare", ha spiegato Paola Deffendi. "Noi volevamo che l'ambasciatore rimanesse in Italia, tutti in Egitto hanno detto: il caso è chiuso. Ci voleva Giulio perché emergesse la situazione del'Egitto?", ha aggiunto.

"Giulio era una persona, se parliamo di un caso sembra che non sia mai esistito. Come genitori sentirsi dire da media e politica che è un caso non ci stiamo". "Era un giovane uomo molto avanti su certe cose, trovare la verità per lui è importante perché i giovani cittadini europei si sentano sicuri. Non deve aleggiare il fantasma di Giulio", ha aggiunto. "Noi siamo quello che Giulio ha espresso, i suoi valori sono i nostri valori", ha detto ancora il padre Claudio.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bologna, prete choc su Facebook: "Ha ucciso più Riina o Emma Bonino?"

Don Pieri si scaglia contro l'esponente Radicale per il suo impegno politico e civile per la legge sull'aborto: "Moralmente non c'è differenza"

Terremoto Norcia, l'appello del piccolo Marco: salvate il mio pianoforte

Terremoto, scossa di 4.4 magnitudo in provincia di Parma. Paura ma nessun danno

La terra ha tremato alle 13.37, come fa sapere l'Ingv

Roma, ritrovamento di un cadavere in un sottopasso del Muro Torto

Napoli, sparatoria nel cuore della movida: rissa e colpi in strada, feriti 4 minorenni

In via Carlo Poerio, prima la rissa tra due comitive poi i proiettili che hanno raggiunto i giovanissimi

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "L'indifferenza verso i poveri è un grande peccato. Dio non è controllore di biglietti non timbrati"

Il Pontefice in occasione della giornata mondiale dei poveri: "Prendersi cura di loro è un dovere evangelico e l'indifferenza è un grande peccato"