Martedì 05 Aprile 2016 - 12:30

Regeni, Gentiloni: Pronti a misure. Egitto: Così complica le cose

Le dichiarazioni del ministro degli Esteri non sono piaciute al Cairo: "Ostacolano, invece di aiutare"

Regeni, Gentiloni: Più collaborazione da Egitto o Italia reagirà

Serve un cambio di marcia nella collaborazione dell'Egitto con l'Italia sul caso Regeni e "se questo cambio di marcia non ci sarà il governo italiano è pronto a reagire con misure tempestive e proporzionate". Queste le parole del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni nel corso dell'informativa al Senato sul caso di Giulio Regeni, il ricercatore friulano sparito in Egitto il 25 gennaio e trovato morto il 3 febbraio sull'autostrada Il Cairo-Alessandria.

Se questo cambio di marcia stia arrivando, ha aggiunto, "lo capiremo a partire dall'incontro tra gli inquirenti in programma venerdì". Il cambio di marcia deve consistere, ha precisato, nella possibilità per l'Italia di "acquisire tutta la documentazione", e dalla decisione del Cairo di "non accreditare verità di comodo". "Sarà soprattutto la procura a valutare se questo cambio di marcia si delinea", ha concluso Gentiloni.

"Non ci rassegneremo all'oblio di questa vicenda - ha poi ribadito il ministro - e non consentiremo che venga calpestata la dignità di questo Paese". La ricerca della verità sul caso Regeni non contrasta con la ragione di Stato, anzi "è per ragione di Stato che pretendiamo la verità".

DA EGITTO TENTATIVI DI ACCREDITARE REALTA' DI COMODO. Sul caso di Giulio Regeni, da parte egiziana, c'è stato un "accavallarsi di posizioni ufficiali o semiufficiali, con verità di comodo, circolate con troppa frequenza quasi sempre tra l'altro fuori dai canali investigativi, dall'azione criminale volta a minare i rapporti tra i due Paesi, al Giulio Regeni informatore di questa o quella intelligence. Tutto questo non ha favorito i rapporti tra i due Paesi", ha precisato Gentiloni. 

"La visita di Pignatone al Cairo - ha proseguito - ha rimesso la collaborazione nei binari giusti. In una intervista alla stampa italiana il presidente al Sissi ha assicurato piena collaborazione. Dieci giorni dopo il nostro team di investigatori è stato convocato al Cairo sull'uccisione di un gruppo di cinque criminali dediti a rapinare e sequestrare persone spacciandosi per poliziotti. Nel corso di quell'incontro è stato riferito che erano stati trovati i documenti di Regeni. Questo è apparso come un ulteriore e ancora più grave tentativo di accreditare una realtà di comodo".

EGITTO: PAROLE GENTILONI COMPLICANO SITUAZIONE. All'Egitto, però, le dichiarazioni di Gentiloni non sono affatto piaciute. Le parole del ministro "complicano la situazione" sul caso della morte di Regeni, ha infatti dichiarato il ministero degli Esteri egiziano in una nota. Nel comunicato, Sameh Shoukry, precisa che le frasi di Gentiloni rappresentano un ostacolo piuttosto che un aiuto alla vicenda.

DELEGAZIONE EGITTO IN ITALIA DAL 6 APRILE. Intanto è confermata la visita delle delegazione egiziana a Roma da mercoledì 6 aprile per discutere dell'indagine sulla morte di Regeni. Lo rendono noto fonti giudiziarie smentendo le notizia pubblicate sull'annullamento della visita degli inquirenti egiziani in Italia. Un dossier di 2mila pagine sul caso sarebbe pronto per essere consegnato agli investigatori italiani.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Camera - Presentazione programma banche del Movimento 5 Stelle

Bankitalia, Sibilia: Casini come generale che informa truppe nemiche

Il capogruppo del M5S nella commissione straordinaria sulle banche accusa il presidente della commissione di non aver avvisato l'ufficio di presidenza del vis à vis con il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco

Folla per i test di ammissione a medicina all'Università Statale davanti al Forum di Assago

Grammatica questa sconosciuta: 'bocciati' 7 italiani su 10

Solo gli analfabeti funzionali raggiungono il 28%, uno dei tassi più alti in Europa

Perquisizione nella sede della Consip

Processo Romeo, Consip parte civile contro l'imprenditore

Romeo e il funzionario della centrale acquisti Marco Gasparri sono accusati di corruzione in concorso