Sabato 06 Febbraio 2016 - 10:45

Regeni, Gentiloni: Arresti non hanno chiarito il caso, occorre ancora lavorare

In attesa della salma a Fiumicino

Gentiloni

 "A quanto risulta dal quello che ho sentito sia dall'ambasciata sia dagli investigatori italiani" che collaborano con l'Egitto "siamo lontani dal dire che questi arresti abbiano risolto o chiarito cosa sia successo". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, a proposito della notizia di due arresti al Cairo in relazione alla morte di Giulio Regeni.  "Bisognerà lavorare e bisogna che il lavoro sia fatto insieme. Gli investigatori italiani stanno cominciando a lavorare con le autorità egiziane", ha precisato il ministro Gentiloni da Amsterdam dove si trova per dicutere della questione migranti insieme agli altri ministri degli Esteri Ue. La salma del giovane, in volo dal Cairo con i genitori, è attesa allo scalo di Roma Fiumicino, dove ad attenderla ci sarà il ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Telecom Italia logo is seen at the headquarters in Milan

Tim, Governo esercita Golden Power e chiede di entrare in CdA

Un comitato tecnico all'interno del Governo ha svolto un'istruttoria sul caso, individuando elementi strategici per la sicurezza nazionale

Ministero del Lavoro. Incontro Governo Sindacati

Lavoro, Poletti annuncia: "Sgravi per giovani fino a 35 anni nel 2018"

Si tratterà di una decontribuzione fino al 50% per tre anni, al Sud sarà del 100%

Camera dei Deputati - Legge elettorale

Regionali Sicilia, Di Maio: "Osservatori internazionali contro voto di scambio"

Il candidato premier M5S in conferenza stampa con il candidato governatore Giancarlo Cancelleri

Pd, Veltroni: "Con Pisapia e Mdp si vince, serve umiltà e unità"

Pd, Veltroni: "Con Pisapia e Mdp si vince, serve umiltà e unità"

"Oggi siamo vicini alla possibilità di battere il centrodestra ma dobbiamo dialogare e includere"