Martedì 05 Aprile 2016 - 16:15

Regeni, domani inquirenti egiziani a Roma

Tutto pronto per la riunione tra magistrati e investigatori italiani e la delegazione del Cairo

Regeni, egiziani domani a Roma: tutto pronto per riunione inquirenti

Arriveranno a Roma domani sera, intorno alle 21, i magistrati e gli inquirenti egiziani responsabili delle indagini sulla morte di Giulio Regeni. Tra giovedì e venerdì si terranno, in una struttura della polizia, una serie di riunioni con gli italiani che indagano da due mesi sull'omicidio del ricercatore friulano. Oggi a piazzale Clodio magistrati e investigatori italiani hanno fatto il punto sulle ricerche, i materiali inviati nelle settimane passate dall'Egitto e l'organizzazione della due giorni di lavoro con i colleghi cairoti. 

TUTTI I PRESENTI AGLI INCONTRI DI ROMA - Agli incontri parteciperanno i massimi dirigenti del Servizio centrale operativo (Sco) della polizia di Stato e del Raggruppamento operativo speciale (Ros) dell'Arma dei carabinieri, oltre al procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone e il pm Sergio Colaiocco. Dalla capitale egiziana arriveranno domani il generale Adel Gaffar e il brigadiere generale Alaa Abdel Megid, dei servizi centrali della polizia egiziana e il vicedirettore della polizia criminale del governatorato di Giza, maggiore Mostafa Meabed. Dalla procura del Cairo sono in arrivo i procuratori Mostafa Soliman, e Mohamed Hamdy El Sayed.

IL DOSSIER DEL CAIRO - Un dossier di duemila pagine sarebbe pronto per arrivare sulle scrivanie degli investigatori italiani, dai colleghi egiziani. Lo ha riferito la stampa egiziana aggiungendo che i fascicoli conterrebbero i verbali di almeno una decina di persone chiamate a testimoniare dagli inquirenti. Negli uffici di piazzale Clodio ancora non si conoscono i particolari del materiale che i magistrati del Cairo porteranno a Roma.

I MATERIALI RICHIESTI DAI PM - Quel che è certo è che la procura capitolina attende, da settimane, i materiali dell'inchiesta promessi e mai spediti dall'autorità giudiziaria egiziana. Mancano ancora all'appello i dati delle celle telefoniche, e i video delle telecamere di sorveglianza di metropolitane e negozi del quartiere nel quale Giulio viveva ed è sparito il 25 gennaio scorso, dei quali i pm romani hanno fatto, in più occasioni, esplicita richiesta. Inoltre i documenti inviati fino a oggi dal Cairo contengono informazioni sommarie e carenti anche sui verbali delle testimonianze raccolte dagli inquirenti egiziani. Giovedì, almeno una parte dei materiali richiesti, arriveranno a Roma nel corso dell'incontro che segue la riunione tra le autorità giudiziarie dei due Paesi che si è tenuta al Cairo lo scorso 14 marzo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sede Ema, oggi il verdetto

Ema, sorteggio scatena rabbia anti Ue: all'attaco Salvini e Calderoli

L'estrazione ha premiato Amsterdam e ha scatenato le polemiche

Senza futuro, gioco, istruzione: 180 milioni di bambini a rischio

Oggi in tutto il mondo si celebra la giornata dei bambini ma per troppi di loro le prospettive di vita sono peggiori di quelle dei genitori

Cyberbullismo, vittima un adolescente ogni 10: i consigli degli esperti

I ragazzi non devono essere allarmati ma consapevoli che le loro azioni possono cambiare la vita di un loro coetaneo

Ostia, incendio circolo Pd: ripreso da telecamere chi ha appiccato fiamme

Una persona è stata ripresa dal sistema di sorveglianza mentre appiccava le fiamme