Mercoledì 08 Giugno 2016 - 20:45

Regeni, da traffico celle nuovi spunti: si indaga su numero inglese

I dati sono ora sotto l'analisi degli inquirenti italiani

Roma, manifestazione per Giulio Regeni al Pantheon

La sera in cui Giulio Regeni scomparve, il 25 gennaio scorso, da un numero di telefono inglese partirono tre sms diretti ad altrettante utenze egiziane che erano situate nel quartiere dove il ricercatore friulano viveva e venne preso prima di essere torturato e ucciso. Lo si apprende da fonti giudiziarie che sottolineano come le indagini sui dati delle celle arrivati dall'Egitto siano ancora in corso.

Dagli stessi dati emergerebbe anche che, la notte del 3 febbraio, sempre da un numero presumibilmente inglese sarebbe arrivato un sms diretto a un cellulare situato nella zona in cui di lì a poco sarebbe stato ritrovato il corpo di Giulio, alla periferia del Cairo, vicino alla strada che collega la capitale egiziana ad Alessandria. I dati sono ora sotto l'analisi degli inquirenti italiani e potrebbero dare origine a spunti utili per le indagini sull'uccisione del giovane.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus

Roma, scritta BR sulla lapide di Via Fani

Roma, scritta 'Br' su monumento Martiri di via Fani: denunciato responsabile

È un romano di 47 anni incensurato, autista Ncc: il 22 marzo scorso la scritta con lo spray sulla lapide. Perquisita la sua abitazione

Nuvole e minime in aumento: il meteo del 25 e 26 maggio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino