Giovedì 10 Novembre 2016 - 12:30

Referendum, respinto il ricorso di Onida: Non lede libertà voto

No dal Tribunale di Milano. L'ex presidente della Consulta Onida contestava la chiarezza e l'omogeneità del quesito

Valerio Onida

Il giudice civile Loretta Dorigo del Tribunale di Milano ha rigettato i ricorsi del costituzionalista Valerio Onida e di un pool di avvocati sul referendum costituzionale, ricorsi "concernenti la richiesta di provvedimenti cautelari riguardanti lo svolgimento del referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre".

I ricorrenti chiedevano l'intervento della Corte Costituzionale, sostenendo che la legge istitutiva del referendum numero 352 del 1970 violerebbe il principio costituzionale della libertà dell'elettore perché non consentirebbe la possibilità di esprimere orientamenti diversi su materie eterogenee, come il Cnel e il bicameralismo. Secondo Onida e il pool di avvocati che ha presentato il secondo ricorso, quindi, la legge presenterebbe profili di incostituzionalità nella parte in cui non prevede che il voto debba svolgersi su un quesito omogeneo. La legge prevede che la Corte Costituzionale possa esercitare un potere di sospensione del referendum solo nel caso dei conflitti tra Stato e Regione. Onida, invece, in udienza aveva affermato che la Consulta avrebbe potuto decidere anche in questo caso di sospendere la consultazione. Opzioni ormai tramontate, vista la bocciatura da parte del giudice Lorella Dorigo.

Il giudice Dorigo nel respingere il ricorso di Onida ha scritto: "Non ritiene il Tribunale di ravvisare una manifesta lesione del diritto alla libertà di voto degli elettori per difetto di omogenietà dell'oggetto del quesito referendario". 
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

M5S, Casaleggio sicuro: Il nostro sostegno a Raggi continua

M5S, Casaleggio sicuro: Il nostro sostegno a Raggi continua

Il presidente della Casaleggio Associati ha incontrato i parlamentari per discutere di Roma e del programma di governo

Allarme caldo e siccità, il governo dichiara lo stato di emergenza a Parma e Piacenza

Siccità, dichiarato lo stato di emergenza a Parma e Piacenza

A Roma la sindaca Raggi firma un'ordinanza per regolamentare l'uso dell'acqua potabile, proveniente dalla rete idrica comunale

Procuratore Roberti: Cosa Nostra è in crisi ma non abbassare guardia

Procuratore Roberti: Cosa Nostra in crisi ma non abbassare guardia

"Ci sono i nuovi capi delle mafie, non ci culliamo sugli allori"

Richetti: Mdp non lascia D'Alema? E noi non lasciamo il Pd

Richetti: Mdp non lascia D'Alema? E noi non lasciamo il Pd

Così replica a Speranza in merito a una possibile alleanza