Giovedì 20 Ottobre 2016 - 11:30

Referendum, Tar Lazio respinge ricorso di M5S e Sinistra italiana

Il Tribunale lo ha dichiarato inammissibile per difetto assoluto di giurisdizione: "Il quesito riportato sulla scheda è neutrale"

Referendum, il Tar del Lazio respinge il ricorso di M5S e Sinistra italiana

Il Tar del Lazio ha dichiarato inammissibile, per difetto di giurisdizione, il ricorso presentato dai promotori del referendum costituzionale Loredana De Petris (Sinistra italiana) e Rocco Crimi (M5S) e dagli avvocati Giuseppe Bozzi e Vincenzo Palumbo, con il quale è stata contestata la formulazione del quesito referendario da sottoporre al voto degli elettori il 4 dicembre 2016. La sentenza è la numero 10445 del 20 ottobre.

LEGGI ANCHE Referendum, Codacons: Ora la battaglia si sposta in Cassazione

"Considerata l'urgenza di dare una risposta definitiva alla questione, il Tar - riferisce una nota dei giudici amministrativi - non si è limitato alla richiesta cautelare e ha definito il merito della controversia, dichiarando l'inammissibilità del ricorso per difetto assoluto di giurisdizione". L'individuazione del quesito contestato, fa notare il Tar, è "riconducibile alle ordinanze adottate dall'Ufficio Centrale per il Referendum istituito presso la Corte di Cassazione ed è statosuccessivamente recepito dal Presidente della Repubblica nel decreto impugnato".

Il Tar del Lazio sottolinea poi che "sia le ordinanze dell'Ufficio Centrale per il Referendum" che hanno predisposto il quesito referendario "sia il decreto presidenziale - nella parte in cui recepisce il quesito - sono espressione di un ruolo di garanzia, nella prospettiva della tutela generale dell'ordinamento, e si caratterizzano per la loro assoluta neutralità, che li sottrae al sindacato giurisdizionale". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

"Il sistema basato su hotspot ha consentito progressi"

Divisioni nel giorno del 25 aprile, Mattarella: Mai più fascismo e mai più guerre

Divisioni nel giorno del 25 aprile, Mattarella: Ricordiamo senza odio e senza rancore

A Roma il ricordo della Liberazione sfila in cortei divisi. A Milano tensioni tra antifascisti e militanti di destra /FOTO

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Nel corso delle celebrazioni del 25 aprile nel teatro comunale di Carpi

La manovra è legge: tutto quello che c'è da sapere sul decreto

La manovra è legge: tutto quello che c'è da sapere sul decreto

Dallo split payment al fondo per il sisma, tante le novità del testo