Lunedì 14 Novembre 2016 - 09:00

Referendum, Renzi: Antisistema difendono i super stipendi

"Il voto anti-sistema è un dato di fatto" dice il premier a Radio Monte Carlo

Referendum, Renzi: Voto anti-sistema è un dato di fatto

"Il voto anti-sistema è un dato di fatto: c'è. Io ho 41 anni, il sistema non credo di rappresentarlo con il mio governo, lo rappresentano quelli che se ne sono fregati per 20 anni e che vogliono restare in politica". Così il premier Matteo Renzi intervistato a Radio Monte Carlo.

L'antisistema a questo referendum è rappresentato da "quelli che difendono i rimborsi dei consiglieri regionali, i super stipendi dei senatori, i professoroni che criticano la riforma o chi cerca di cambiare il Paese", ha aggiunto il presidente del Consiglio ai microfoni di Radio Monte Carlo. "Se vince il 'sì' ci saranno meno posti e poltrone nella politica, sarà abolito il Cnel e le competenze tra Stato e Regione saranno più chiare: l'Italia diventa più semplice. Questo non vuol dire che non ci saranno difficoltà ma si affronteranno in modo più semplice", ha aggiunto Renzi rispondendo a un'ascoltatrice che chiedeva cosa cambierà nel caso il 4 dicembre vincesse il 'sì'. In caso contrario, invece, ha proseguito il premier "se vincerà il 'no', tutto resterà come è ora: Camera e Senato rimarranno a fare le stesse cose; hanno maggioranze diverse e questo crea instabilità, crea inciuci e accordicchi".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ilva, Di Maio: "Procedura di gara un pasticcio. Avvierò un'indagine e chi ha sbagliato ne risponderà"

Calenda replica: "Responsabilità è mia, non ho bisogno di inventare 'manine'. Annulla la gara se la ritieni viziata"

Salvini querela Saviano. Lo scrittore: "Punito dissenso, bisogna reagire"

“Provi piacere a vedere bimbi morti in mare” la frase che ha scatenato l'ira del ministro

Governo, sulle nomine è stallo. E il vertice da Conte salta

Si arena la trattativa su Cassa depositi e prestiti: doppio veto M5S-Lega su Dario Scannapieco

Dl dignità, Boeri attacca Di Maio e Salvini: "Calo degli occupati? Ministero sapeva"

“Governo perde il contatto con la terra”. La replica del ministro dell'Interno: "Mai minacciato il presidente Inps. Se vuole fare politica con la sinistra che l'ha nominato si candidi”