Sabato 09 Luglio 2016 - 16:00

Referendum, Renzi: Col no difficile metterci mano per un decennio

Il presidente del Consiglio ha parlato nel corso di una conferenza stampa a Varsavia, dove è in corso il summit Nato

Summit Nato di Varsavia

"La riforma ha un iter molto più lungo e più complesso" di quello parlamentare "e se vince il 'no', l'esperienza ci dice che sarà difficile poterci rimettere le mani da qui a un decennio".  Sono le parole del presidente del Consiglio Matteo Renzi nel corso di una conferenza stampa a Varsavia, dove è in corso il summit Nato. " Il referendum non è sulla legge elettorale. Il referendum è su altro. Avverto la responsabilità quasi morale di ricordarlo agli italiani. Chi vota sì taglia il numero dei parlamentari e riduce i problemi alle Regioni, chi vota no lascia le cose come sono", ha puntualizzato Renzi.

 "Il referendum è cruciale, ma non è più una partita nella quale posso fare molto. Io posso dire agli italiani di decidere. Il popolo ha ragione sia se vota 'sì' sia se vota 'no'", risponde a chi gli chiede se si aspetta il sostegno degli alleati di Governo.

"Quando gli italiani votano hanno sempre ragione. Certo il referendum può dare risultati sorprendenti, ma io ho fiducia nel buonsenso degli italiani. Non vorrei - ha aggiunto - che anche in Italia ci fosse qualcuno che è convinto di votare un'altra cosa e poi si sveglia una mattina e vuole tornare indietro".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Regionali Valle d'Aosta, giornata di spoglio

Valle d'Aosta, Unione valdotaine in testa al 19,04%, segue la Lega a 16,94%

Spoglio centralizzato. L'affluenza è stata del 65,12%, con 67 mila 146 votanti su 103 mila 117 aventi diritto

Visita di Mattarella a Dogliani in occasione dell'anniversario del giuramento di Luigi Einaudi

Governo, c'è l'accordo: nel pomeriggio M5S e Lega al Colle

Al Quirinale alle 17.30 Di Maio e alle 18 Salvini. Conte verso palazzo Chigi

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Chi è Giuseppe Conte, professore di diritto a Firenze

Era stato indicato per ricoprire l'incarico di ministro della 'Pubblica amministrazione, deburocratizzazione e meritocrazia'

Chiuso accordo Lega-M5S, lunedì al Colle. Conte verso Palazzo Chigi

Scontro con la Francia sull'Ue. Il leader della Lega replica al ministro Le Maire: "Inaccettabile invasione di campo"