Sabato 26 Novembre 2016 - 16:00

Referendum, Renzi: Non si può rischiare un salto nel vuoto

"Se io volessi stare qui a vivacchiare, ci metterei due minuti e mezzo"

Referendum, Renzi: Fuori? Noi non cacciamo nessuno

"Buoni, buoni. Noi non si butta fuori nessuno. Non cascate nel suo tranello: non dite 'fuori' a nessuno. E' facile stare qui a contestare dalla mattina alla sera, noi non siamo qui a criticare siamo quelli che vogliono cambiare le cose.". Così Matteo Renzi, a Genova, nel corso di un'iniziativa organizzata a sostegno del Sì al referendum, replica dal palco a un contestatore che lo criticava e a chi, tra i suoi sostenitori, voleva cacciarlo. "La gente che urla e che fischia ha tutto il diritto di farlo - ha aggiunto - Un politica non si riconosce perché fischia ma perché rischia". "Se io volessi stare qui a vivacchiare, ci metterei due minuti e mezzo. Qualcosina l'abbian fatta, ma si fa politica per cambiare le cose" ha aggiunto il presidente del Consiglio. 

NO AI SALTI NEL VUOTO "Non si può rischiare il salto nel vuoto" in caso di vittoria del No, "noi vogliamo strappare il Paese dall'immobilismo" ha aggiunto Renzi. "Io sono un boy scout di 41 anni, ho lo straordinario privilegio di servire il mio Paese. Me ne posso andare anche doman - ha ribadito  - ma il problema non sono io. Non aspetto lo stipendio, come quell'altro Matteo (Salvini, ndr) voglio cambiare il Paese". "Ora - ha concluso - dipende dai cittadini se vogliamo andare avanti o no".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale