Venerdì 18 Novembre 2016 - 10:00

Referendum, Pisapia: Se vince il No Parlamento paralizzato e Paese instabile

"Non ho mai avuto paura a prendere posizioni anche scomode" precisa l'ex sindaco di Milano a Repubblica

Referendum, Pisapia: Se vince il No Parlamento paralizzato e Paese instabile

Se vincesse il No, avremmo "un Parlamento ancora più diviso, paralizzato e un periodo di instabilità politica che non farebbe bene al Paese". Lo dichiara l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che, intervistato da La Repubblica sul referendum, si schiera per il Sì. "Non ho mai avuto paura a prendere posizioni anche scomode - precisa Pisapia -. Ma devo ribadire: mi rifiuto di scendere in guerra con i miei compagni di strada. Io credo in una sinistra larga, aperta, ragionevole e responsabile e non voglio accettare che il referendum e la lunga campagna elettorale diventi il 'casus belli' per una frattura senza ritorno. Nella mia idea di sinistra non c'è chi ha esultato per la vittoria di Trump, chi vuole costruire i muri in Europa, chi vuole lasciar naufragare i barconi dei disperati. Ma c'è chi vota Sì come chi vota No. Credo che dovremmo cercare di farci per strada il minor male possibile. E avendo un unico obiettivo: non regalare il Paese alle destre e ai populisti".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fratoianni è il nuovo segretario di Sinistra italiana

Nicola Fratoianni è il nuovo segretario di Sinistra italiana

"Sono felice, orgoglioso ed emozionato. Incomincia oggi una storia nuova"

Roma, Assemblea Nazionale del Partito Democratico

Pd, indetto il congresso. Rossi, Emiliano e Speranza: Renzi sceglie strada scissione

L'ex premier: "No a ricatti e diktat". Il governatore della Toscana: "Tempi maturi per formare una nuova area"

Laura Boldrini e Giuliano Pisapia

Pisapia: Scissione Pd sarebbe una sciagura, serve unità sinistra

L'ex sindaco di Milano: Io né con Renzi né con D'Alema

Michele Emiliano, minoranza Pd

Pd, è il giorno della verità. Oggi assemblea, si rischia la scissione

Orfini prova a tendere la mano alla minoranza, mentre Guerini avverte: Nessun ultimatum