Venerdì 25 Novembre 2016 - 08:30

Referendum, Pinotti: Economist? Lezioni sul da farsi sono fastidiose

"Non credo che questi pareri incideranno sul voto" ha aggiunto il ministro della Difesa

Referendum, Pinotti: Economist? Lezioni sul da farsi sono fastidiose

 "Le lezioni che vengono fate all'Italia da stranieri che hanno preoccupazioni che l'Italia possa diventare più forte credo che siano fastidiose (il riferimento è all'editoriale dell'Economist, ndr). Non dobbiamo preoccuparci dell'Economist o dell'ambasciatore americano". Lo ha detto ad 'Agorà' su Rai3 il ministro della Difesa Roberta Pinotti, che ha aggiunto: "Non credo che questi pareri incideranno sul voto". "Questa riforma non è la riforma del governo Renzi o di Renzi. Tiene presente il lavoro fatto dai saggi di Letta o punti del programma dell'Ulivo. Credo sarebbe fermare questo Paese con il No. Se vince il No si va ed elezioni? Si va dal presidente Mattarella e decide lui" ha aggiunto la ministra.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito