Sabato 01 Ottobre 2016 - 13:30

Referendum, Napolitano: Errori hanno favorito il no

Il presidente emerito della Repubblica ha tenuto una lectio magistralis alla scuola di formazione politica del Pd

Classe Democratica. Scuola di formazione del PD

"Se vince il Sì è una cosa molto buona. Dobbiamo stare attenti però a come si porta avanti questa campagna, abbiamo ancora due mesi, perché non si è partiti bene. Sono stati fatti degli errori che hanno facilitato il No". Queste le parole del presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso della sua lectio magistralis alla scuola di formazione politica del Pd in corso a Roma. "Quando si voterà nel 2018, se siano tre raggruppamenti o tre partiti è difficile a dirlo", comunque "si può essere i primi senza avere una maggioranza assoluta. Non si può considerare una bestemmia cercare alleati per governare", ha proseguito il presidente emerito.

Poi, riferendosi al presidente del Consiglio Matteo Renzi, ha sottolineato: "Renzi ha capito gli errori" fatti nella prima parte della campagna per il Sì "e si è corretto". C'è stato, ha spiegato, "un periodo troppo lungo che ha facilitato quelli che, fregandosene della riforma, dicevano che bisognava votare contro Renzi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Renzi: Il racconto di me burattinaio del governo non esiste

Renzi: Io burattinaio governo? Racconto che non esiste

"Io mi sono dimesso da tutto, da premier e da segretario"

Mogherini: Se coordiniamo intelligence riusciremo a battere Isis

Mogherini: Se coordiniamo l'intelligence batteremo l'Isis

"La battaglia va combattuta su diversi piani", non solo con l'azione militare in Siria e Iraq

Beppe Grillo

Grillo scrive al Pd: Distrutta storia del più grande partito di sinistra

Il leader M5s nella lettera: "Non siamo il pretesto per la vostra dissoluzione"

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

"Abbiamo cambiato le regole dei partiti e dei mass media tradizionali"