Venerdì 09 Settembre 2016 - 21:00

Referendum, Napolitano: Basta con guerra, riforma non è mia

L'ex capo dello Stato invita ad abbassare i toni del confronto politico e a concentrare l'attenzione sul merito

Referendum, Napolitano: Basta con guerra, riforma non è mia né di Renzi

Napolitano dice 'no' allo scontro. "Basta con questa guerra" sulle riforme, afferma in una intervista a Repubblica, che verrà pubblicata per esteso domani, l'ex capo dello Stato.

Napolitano invita ad abbassare i toni del confronto politico e a concentrare l'attenzione sul merito delle questioni in vista del prossimo referendum costituzionale, esprimendosi a favore delle modifiche. "La riforma non è né di Renzi né di Napolitano - specifica - ma è quella su cui la maggioranza del Parlamento ha trovato l'intesa. E importanti sono le novità che contiene, nelle quali perciò mi riconosco in coerenza con le tesi da me a lungo sostenute".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Pirellone di Milano

L'agenzia europea del farmaco a Milano: presentata la candidatura

Paolo Gentiloni al Pirellone con il sindaco Sala: Impegno nazionale e locale per l'Ema. Una grande occasione economica e di prestigio

Marie Elena Boschi e Giuliano Pisapia alla Festa Metropolitana a Milano

Pisapia: Abbraccio a Boschi? Non lavoro per dividere ma per unire

La polemica. L'ex sindaco parla a Repubblica. E spiega: "Non voglio fare un partitino del 3-3%". Rosati (Pd): "Ha ragione Giuliano"

Torino, il Presidente del Consiglio Gentiloni in visita presso Cooperativa Piergiorgio Frassati

Gentiloni: Fuori da crisi disperata, ancora conseguenze

A Torino, il presidente del Consiglio fa il punto sulla situazione del Paese, nel giorno in cui nuovi dati Inps restituiscono un quadro in chiaroscuro sul mercato del lavoro

FILE PHOTO - Italy's former PM Berlusconi gestures during the television talk show "Porta a Porta" in Rome

Dopo Costa se ne va Cassano. Berlusconi: "No ai traditori in FI"

Lascia il sottosegretario al Lavoro (Ap). Ma Silvio frena i ritorni in Forza Italia e apre a un partito "alleato"