Mercoledì 16 Novembre 2016 - 21:45

Referendum, M5S: Renzi affetto da 'sindrome gambero'

E' quanto affermano in una nota congiunta i parlamentari M5S delle commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato

Referendum, M5S: Renzi affetto da 'sindrome gambero', cambia versione

 "Siamo felici di sapere che Renzi ha cambiato idea ribadendo che se ne andrà a casa se, il 4 dicembre, vincerà il no all'obbrobrio costituzionale firmato Boschi. Ormai sembra affetto dalla sindrome del gambero perché cambia continuamente versione". E' quanto affermano in una nota congiunta i parlamentari M5S delle commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato. "Lo vogliamo rassicurare - proseguono i pentastellati - il presidente del Consiglio stia tranquillo perché, in Parlamento, ci sarà il Movimento Cinque Stelle pronto a dimezzare il numero dei parlamentari, sia alla Camera che al Senato, nonché a dimezzare i loro stipendi, e a cacciare tutti i condannati dal Parlamento togliendo loro le indennità".

"Il presidente del Consiglio, infatti, spieghi perché il suo partito - proseguono i parlamentari M5S - pochi giorni fa ha votato, alla Camera, contro la nostra proposta di legge per il dimezzamento degli stipendi dei parlamentari visto che, a parole, parla di riduzione dei costi. Spieghi a tutti gli italiani perché la sua riforma lascia intatto il numero dei deputati, nonostante le richieste in tal senso del M5S. E spieghi anche perché non vuole approvare una seria legge anticorruzione e togliere le immunità parlamentari".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Primarie Pd, chiuse le urne. Alle 17 un milione e mezzo ai seggi: al via lo spoglio

Primarie Pd, chiuse le urne: affluenza quasi 2 milioni. Renzi verso larga vittoria

Sospeso il voto a Gela e Nardò. Grillo attacca: "Meglio il voto online, non si paga"

 Primarie Pd, Richetti ipotizza Renzi tra il 65 e 70%

Primarie Pd, Richetti ipotizza Renzi tra il 65 e 70%

Franceschini su Twitter: "Grandissimo risultato per Matteo e per Pd"

I tre candidati

Primarie Pd, ai gazebo per scegliere il nuovo segretario: affluenza sfiora 1,5 milioni

Si sfidano Michele Emiliano, Andrea Orlando e Matteo Renzi. Grillo attacca: "Meglio il voto online, non si paga"

Grillo difende 'democrazia dei clic': Non vale meno, primarie si pagano

Grillo difende la 'democrazia dei clic': Le primarie si pagano

"Grazie alla tecnologia oggi è possibile votare online, un sistema molto più comodo"