Martedì 13 Settembre 2016 - 21:45

Di Maio: Su Muraro ho sbagliato a non avvertire direttorio

Roma 2024, l'esponente del M5s: Su giochi deve decidere la sindaca

Referendum, Di Maio: L'ambasciatore degli Usa si ricreda

 L'intervento dell'ambasciatore Philips "è stato un endorsement per il si', un'ingerenza di una nazione estera. Ma lo Stato italiano e' composto non solo da gente che sostiene il si', dunque vanno rispettate tutte le opinioni. La riforma congestionerà il Senato, se i senatori non si mettono d'accordo tutto si blocca. Il mito dello Stato veloce e liberale non c'è, consiglio all'ambasciatore di ricredersi". Lo afferma Luigi Di Maio, del Direttorio M5S, ospite di 'Politics', su Rai3.

"Roma 2024? Deve decidere il sindaco, si prenda i suoi tempi" ha sottolineato, aggiungendo che "dobbiamo eliminare le corruttele". "Non ho avvisato il resto del Direttorio, mi prendo la responsabilità di questa sottovalutazione. Ho saputo dell'indagine i primi giorni di agosto" ha sottolineato a proposito della notizia sulle indagini sull'assessore al comune di Roma, Paola Muraro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Letta: L'unico leader rivoluzionario in Italia è Papa Francesco

Letta: L'unico leader rivoluzionario in Italia è Papa Francesco

"E' il primo papa non europeo della storia ma è quello che più di tutti sta dicendo agli europei di non disgregarsi"

Poletti: Calcetto? Lo studio è importante ma anche la vita sociale

Poletti: Calcetto? Lo studio è importante ma anche la vita sociale

Il ministro torna sulla frase 'incriminata' che ha scatenato polemiche nei giorni scorsi

Vertice Ppe a Malta, Berlusconi: Io in campo argine al populismo

Vertice Ppe a Malta, Berlusconi: Io in campo argine al populismo

E sulla Brexit: "E' un grande dolore per noi ma rispettiamo il volere degli inglesi"

Grasso: Su terrorismo irresponsabili strumentalizzazioni per fini elettorali

Grasso: Su terrorismo irresponsabili strumentalizzazioni per fini elettorali

"Ponderare collettivamente le politiche pubbliche comuni ai nostri Paesi sia la via da perseguire per difendere insieme le nostre civiltà, i diritti, la democrazia e la stabilità geopolitica del pianeta"