Martedì 13 Settembre 2016 - 21:45

Di Maio: Su Muraro ho sbagliato a non avvertire direttorio

Roma 2024, l'esponente del M5s: Su giochi deve decidere la sindaca

Referendum, Di Maio: L'ambasciatore degli Usa si ricreda

 L'intervento dell'ambasciatore Philips "è stato un endorsement per il si', un'ingerenza di una nazione estera. Ma lo Stato italiano e' composto non solo da gente che sostiene il si', dunque vanno rispettate tutte le opinioni. La riforma congestionerà il Senato, se i senatori non si mettono d'accordo tutto si blocca. Il mito dello Stato veloce e liberale non c'è, consiglio all'ambasciatore di ricredersi". Lo afferma Luigi Di Maio, del Direttorio M5S, ospite di 'Politics', su Rai3.

"Roma 2024? Deve decidere il sindaco, si prenda i suoi tempi" ha sottolineato, aggiungendo che "dobbiamo eliminare le corruttele". "Non ho avvisato il resto del Direttorio, mi prendo la responsabilità di questa sottovalutazione. Ho saputo dell'indagine i primi giorni di agosto" ha sottolineato a proposito della notizia sulle indagini sull'assessore al comune di Roma, Paola Muraro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, Terza Conferenza nazionale sulla famiglia

Bankitalia, Mdp contro Boschi: "Non deve partecipare a Cdm"

Sul sottosegretario "grava un pesante conflitto di interessi che non può essere più ignorato"

Referendum sull'autonomia, la riunione della giunta

Referendum, Zaia: "Pronti a trattare con il governo". Salvini: "Lezione di democrazia"

Maroni difende il voto elettronico: "Ha funzionato bene, è il futuro"

P.zza Montecitorio, presidio in favore del testamento biologico

Biotestamento, l'appello dei sindaci: "Legge subito in Senato"

Tra i firmatari Raggi, Appendino, Sala e de Magistris

Sergio Mattarella in occasione dell'incontro con i Magistrati ordinari in tirocinio

Mattarella: "Inaccettabili credenze antiscientifiche che ostacolano vaccini"

L'intervento del capo dello Stato alla cerimonia 'I giorni della ricerca' contro il cancro al Quirinale