Venerdì 10 Giugno 2016 - 16:45

Referendum, Dario Fo: Benigni ha lasciato cervello su una panchina

Il Nobel torna sulla querelle con il comico toscano a proposito del referendum costituzionale

Referendum, Dario Fo: Benigni ha lasciato cervello sulla panchina

"Le parole di Benigni sul referendum? Mi dispiace enormemente perché lo stimo, ho la certezza che lui è uno dei cervelli alti del teatro italiano, ma ha compiuto un passo fuori dal limite della gamba, lasciando il cervello un attimo seduto su una panchina". Così Dario Fo, al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, torna sulla querelle con il comico toscano riguardo il referendum costituzionale. Non le sembra di esser un po' troppo duro con Benigni? "Ma uno che si trova a sostenere un personaggio come Renzi che ne ha fatte di tutti i colori vende se stesso, la propria integrità". Magari, semplicemente, crede che votare si sia la scelta giusta, non pensa? "Che strano - ha concluso Fo a Un Giorno da Pecora - prima va alla Normale di Pisa e dice che voterà no poi dopo tre giorni dice che voterà si al referendum".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Regionali Valle d'Aosta, giornata di spoglio

Valle d'Aosta, Unione valdotaine in testa al 19,04%, segue la Lega a 16,94%

Spoglio centralizzato. L'affluenza è stata del 65,12%, con 67 mila 146 votanti su 103 mila 117 aventi diritto

Visita di Mattarella a Dogliani in occasione dell'anniversario del giuramento di Luigi Einaudi

Governo, c'è l'accordo: nel pomeriggio M5S e Lega al Colle

Al Quirinale alle 17.30 Di Maio e alle 18 Salvini. Conte verso palazzo Chigi

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Chi è Giuseppe Conte, professore di diritto a Firenze

Era stato indicato per ricoprire l'incarico di ministro della 'Pubblica amministrazione, deburocratizzazione e meritocrazia'

Chiuso accordo Lega-M5S, lunedì al Colle. Conte verso Palazzo Chigi

Scontro con la Francia sull'Ue. Il leader della Lega replica al ministro Le Maire: "Inaccettabile invasione di campo"