Venerdì 10 Giugno 2016 - 16:45

Referendum, Dario Fo: Benigni ha lasciato cervello su una panchina

Il Nobel torna sulla querelle con il comico toscano a proposito del referendum costituzionale

Referendum, Dario Fo: Benigni ha lasciato cervello sulla panchina

"Le parole di Benigni sul referendum? Mi dispiace enormemente perché lo stimo, ho la certezza che lui è uno dei cervelli alti del teatro italiano, ma ha compiuto un passo fuori dal limite della gamba, lasciando il cervello un attimo seduto su una panchina". Così Dario Fo, al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, torna sulla querelle con il comico toscano riguardo il referendum costituzionale. Non le sembra di esser un po' troppo duro con Benigni? "Ma uno che si trova a sostenere un personaggio come Renzi che ne ha fatte di tutti i colori vende se stesso, la propria integrità". Magari, semplicemente, crede che votare si sia la scelta giusta, non pensa? "Che strano - ha concluso Fo a Un Giorno da Pecora - prima va alla Normale di Pisa e dice che voterà no poi dopo tre giorni dice che voterà si al referendum".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato - ddl su biotestamento

Legge sul Biotestamento, il Senato approva i primi articoli

Superati senza ostacoli anche i voti segreti. Il testo completo dei primi due articoli

Museo Ferroviario di Pietrarsa di Portici, conferenza programmatica Italia 2020 PD

Tap, Emiliano: "Il cantiere sembra Auschwitz". Calenda: "Sii civile"

Il governatore della Puglia attacca il ministro: "Io non sono contro il gasdotto, ho proposto di farlo approdare a Brindisi"

Strage Piazza Fontana

Strage di Piazza Fontana, sono 48 anni. Mattarella: "Manca verità esaustiva"

Il Capo dello Stato ha ricordato la bomba fascista che fece 17 morti e 88 feriti. I processi non hanno messo la parola fine

Riapertura del passaggio di collegamento tra il Collegio Romano e la Chiesa di San Ignazio

Via al piano istruzione 0-6 anni. Fedeli: "È svolta culturale"

Lo scopo è aumentare i servizi e sostenere i genitori, per dare alle bambine e ai bambini maggiori opportunità di accesso a un'istruzione di qualità fin dalla nascita