Mercoledì 16 Novembre 2016 - 21:30

D'Alema a italiani all'estero: Votate No, riforma vi esclude

L'appello dell'ex premier in una lettera

Referendum, D'Alema a italiani all'estero: Votate No, riforma vi esclude

"Con il referendum vi si chiede di cambiare molti articoli della Carta e di rinunciare alla vostra rappresentanza in Senato, poiché il Senato cambierà funzione e rappresenterà quelle autonomie territoriali, regioni e comuni, con le quali voi stessi mantenete molti rapporti culturali, affettivi e persino materiali, soprattutto per chi di voi continua ad avere in Italia una casa, un terreno, vi si reca in vacanza o per studiare. Per chi partecipa a scambi culturali o a interscambi commerciali". E' quanto scrive Massimo D'Alema in una lettera aperta indirizzata agli italiani all'estero in vista del referendum del 4 dicembre.

"Sarebbe stato importante avere proprio nel Senato delle autonomie territoriali i rappresentanti diretti della Circoscrizione estero - aggiunge D'Alema - chiamati ad occuparsi del raccordo tra le regioni e i comuni, in materie che riguardano gli italiani nel mondo, dall'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese alla tassazione locale sui beni immobili, dagli interscambi culturali alla promozione turistica, all'associazionismo regionale. Ma ciò non avverrà. Non avrete più i vostri rappresentanti in Senato. Avrete solo 12 rappresentanti alla Camera dei Deputati, eletti, inoltre, con quella legge elettorale, l'Italicum, che vi esclude sia dal conteggio dei voti che determinano il premio di maggioranza, sia dal ballottaggio".

"Questo sistema confinerà gli italiani nel mondo in un ambito di esclusiva testimonianza - prosegue D'Alema - Voi, però, avete il potere di fermarlo votando No al referendum. Il No che vi chiediamo non è soltanto per difendere i vostri diritti, ma anche per bloccare una 'riforma' che umilia il ruolo delle autonomie, riduce la funzione del Parlamento e concentra i poteri nel governo nazionale, senza che vi sia un sistema adeguato di contrappesi e controlli. Al di là di tanti aspetti negativi, questo è il significato di fondo della riforma Renzi".

"Non voglio dilungarmi sugli aspetti tecnici - sostiene ancora D'Alema - che pure, trattandosi della legge fondamentale dello Stato, sono importanti e che hanno indotto i maggiori costituzionalisti italiani a parlare di un bicameralismo pasticciato e confuso. Mi basta aver sottolineato le sostanziali ragioni politiche che hanno spinto, non a caso, anche l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia a opporsi a questa riforma e a mobilitarsi perché essa non venga approvata. Per tutti questi motivi è importante votare No, chiedendo così al Parlamento di ripensare l'impianto della riforma e di proporre soluzioni che siano più rispettose delle tradizioni democratiche del nostro Paese".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche