Lunedì 05 Dicembre 2016 - 09:00

Referendum, Cuperlo: Ko severo, non mi sento sconfitto, ho difeso coerenza

Per quanto riguarda la legge elettorale, "ho cercato di ridurre le distanze almeno sulle regole della rappresentanza e di tenere unito il Pd

Referendum, Cuperlo: Ko severo, non mi sento sconfitto, ho difeso coerenza

 "Un ko severo. Mediare sull'Italicum mi è costato fatica". Così Gianni Cuperlo, sulle pagine del Corriere della Sera, parla della sconfitta al referendum del premier Matteo Renzi. "Io ho cercato di tenere unito il Pd: in questo senso non mi sento sconfitto. Ho difeso una coerenza". Alla domanda sul perché secondo lui abbia vinto il No, Cuperlo risponde: "E' una sconfitta severa. Immaginare di guidare la rivolta contro la casta mentre si è seduti sulla poltrona più alta del governo si è rivelata una mossa sbagliata". Sul fatto che gli elettori del Pd siano stati determinanti nel bocciare la riforma, Cuperlo chiarisce: "E' stata la larga maggioranza di chi ha votato. Sugli elettori del Pd vedremo, la mia impressione è che una buona parte ha votato Sì. Ma il campo del centrosinistra era diviso e un pezzo ampio del Paese ha espresso un giudizio negativo sul governo e sul premier". Sull'unità del Pd, Cuperlo precisa: "Prima del partito mi preme l'unità di un Paese lacerato da sette mesi estenuanti. Ora la parola chiave deve essere ricostruzione".

 Per quanto riguarda la legge elettorale, "ho cercato di ridurre le distanze almeno sulle regole della rappresentanza e di tenere unito il Pd. Quella mediazione che a me è costata fatica e che mi ha portato a scegliere la via della lealtà votando Sì non è stata colta fino in fondo. Il brusco risveglio dice che anche quello è stato un errore che si poteva e doveva evitare. Ora dobbiamo andare a fondo nella discussione: i contenuti di quell'accordo vanno tradotti in una legge che avrebbe una larga maggioranza in Parlamento".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, il candidato PD alla presidenza della regione Giorgio Gori ad un convegno

Migranti, Gori: "Grave che avvocato non capisca la Costituzione". Fontana: "Mia espressione infelice"

Il candidato Pd per la regione Lombardia commenta la frase shock dello sfidante di destra

Torino, Il candidato premier M5s Luigi Di Maio a pranzo con i vertici del Movimento

Parlamentarie M5S, Rousseau a singhiozzo. Disagi e proteste

Molte lamentele perché non si riesce a votare o mancano i nomi di alcuni candidati. Per i collegi uninominali sceglierà Di Maio

Porta a Porta. Ospite Beatrice Lorenzin

Lazio, Lorenzin contro LeU e avverte Zingaretti: "Pronta a candidarmi"

E' possibile che, a livello nazionale, Civica popolare vada con il Pd ma, a livello locale, corra da sola il 4 marzo nell'Election Day

Fontana insiste: "Anche nella Costituzione si parla di razze". E Salvini lo difende

Il candidato di centrodestra in Lombardia: "No al piano Gori-Bonino"