Lunedì 02 Ottobre 2017 - 13:15

Referendum Catalogna, 800 feriti negli scontri. Sì al 90% e No 7,8%. Rajoy: "Sceneggiata"

La polizia nazionale sfonda ingressi e sequestra le urne. Le organizzazioni indipendentiste: "Martedì sciopero generale"

People react as they gather at Plaza Catalunya after voting ended for the banned independence referendum, in Barcelona

Due immagini della giornata di ieri primo ottobre resteranno impresse nella memoria degli spagnoli e del mondo. La prima è quella delle lunghe code di cittadini di tutte le età, con anziani e bambini al seguito, in attesa di votare per il referendum sull'indipendenza dalla Spagna. La seconda, le cariche della polizia nazionale e della guardia civile in tenuta antisommossa, che hanno fatto irruzione nei seggi per sgomberarli con la forza. I video delle cariche contro i manifestanti indifesi hanno fatto il giro del mondo. Sono centinaia le persone rimaste ferite negli scontri. A fine giornata il premier spagnolo Mariano Rajoy ha assicurato che "non c'è stato alcun referendum" e che "la maggioranza catalana non ha partecipato alla sceneggiata". Il governo della Generalitat, da parte sua, garantisce di aver mobilitato "almeno tre milioni di persone".

Secondo i dati riportati da La Vanguardia hanno votato 2.263.464 persone (erano chiamati alle urne circa 5 milioni e 300 mila cittadini): il 90% ha scelto il Sì all'indipendenza pari a 2.020.144, mentre il 7,8% (176.000 voti) ha votato no; 45.585 schede bianche e 20.129 nulle. 

I numeri descrivono una mezza guerra civile: almeno 319 seggi bloccati (ma la maggior parte dei 6mila previsti non ha mai nemmeno aperto), 893 feriti tra i manifestanti, di cui due in condizioni gravi, e 12 tra gli agenti. Quattro i feriti sono ancora in ospedale: due sono in condizioni gravi ma stabili, uno si trova all'Hospital de Sant Pau di Barcellona per una ferita a un occhio causata da un proiettile di gomma, mentre un uomo di circa 70 anni è all'ospedale Vall d'Hebron. È stato colpito da un attacco cardiaco quando la polizia ha fatto irruzione in un collegio elettorale nel quartiere La Mariola a Lleida. Le altre due persone ricoverate si trovano negli ospedali di Calella e Manresa, a Barcellona.

LEGGI ANCHE Ue: "E' questione spagnola". Puigdemont: "No, è europea"

Sei persone arrestate per resistenza a pubblico ufficiale in tutta la Catalogna. Decine di denunce contro la polizia e la guardia civile per le violenze ricevute. Sei inchieste avviate da altrettanti giudici sull'operato dei Mossos d'Esquadra, la polizia regionale catalana accusata di non aver agito per fermare il voto. Tra le denunce incrociate ci sono anche quelle di una ragazza che ha subito la rottura delle dita di una mano "una a una" e molestie "denigranti", quella dei vigili del fuoco della Generalitat che hanno subito "cariche di polizia inaccettabili".

LEGGI ANCHE La sindaca di Barcellona denuncia: "Da polizia molestie sessuali"

Da una parte si denuncia l'uso di pallottole di gomma sulla folla. Dall'altra viene fatto circolare un video in cui gli agenti vengono circondati e presi a sassate. Una storia nella storia ha riguardato i Mossos d'Esquadra: le forze di polizia catalana hanno fatto, come previsto, una ricognizione dei seggi all'alba, ma in molti casi se ne sono andati tra gli applausi. Su di loro sono piovute accuse di tradimento e minacce di inchieste per disobbedienza agli ordini.

 

 

Alla fine quella che doveva essere una consultazione democratica si è trasformata in una giornata di scontri e proteste. I catalani se lo aspettavano e si sono organizzati. Dalle 5 di mattina hanno presidiato i seggi, e hanno continuato a farlo anche dopo le 20, alla fine delle operazioni di voto, per impedire che la polizia potesse sequestrare le urne. In alcuni casi, come nella scuola industriale di Barcellona, i militanti hanno costruito barricate e blocchi stradali. Il conteggio delle schede sarà complicato dal blocco imposto ai sistemi informatici del governo regionale, ma le operazioni proseguiranno comunque per tutta la notte. In serata migliaia di persone si sono radunate a plaza Catalunya al grido "Abbiamo votato!" per seguire lo spoglio dei voti.

LEGGI ANCHE  L'Onu chiede un'indagine indipendente sulle violenze

Si apre ora una nuova fase dello scontro politico: dopo settimane di minacce e di 'muro contro muro', il governo di Madrid e quello della Generalitat di Barcellona dovranno aprire un confronto. Non sarà facile, visti i toni tenuti finora, con accuse di tradimento e irresponsabilità, minacce di azioni legali e ricorsi a tribunali internazionali, reciproche richieste di dimissioni. Per il presidente catalano Carles Puigdemont quella di domenica è "una vergogna che accompagnerà per sempre l'immagine dello Stato spagnolo" mentre l'ex presidente della regione, Arturo Mas, ha dichiarato che "oggi la Spagna ha perso la Catalogna". Dall'altra parte Mariano Rajoy afferma di aver "constatato la forza della democrazia" contro "il referendum che voleva liquidare la Costituzione". Appelli al dialogo tra i due leader sono arrivati dai governi di tutta Europa, insieme a parole di condanna per le violenze. Chi spera nell'apertura di una trattativa - auspicata da tutte le forze politiche, dal Psoe a Podemos e Ciudadanos, pur con diverse sfumature nella condanna delle azioni di polizia - si appiglia ora alle parole di Rajoy che si dice aperto "a un dialogo sincero nei confini della legge e della democrazia" e convoca per lunedì le forze parlamentari. Un inaspettato mediatore potrebbe essere il premier basco Inigo Urkullu. Ma la ferita del giorno 1 ottobre richiederà tempo per rimarginarsi.

Loading the player...
Scritto da 
  • Simone Gorla
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Victims and their family members watch a television broadcast of the court proceedings of former Bosnian Serb general Ratko Mladic in the Memorial centre Potocari near Srebrenica

Srebrenica, Mladic condannato all'ergastolo

Era l'ultimo grande accusato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia, conflitto che causò almeno 100mila morti

FILE PHOTO: Zimbabwe VP Mnangagwa listens as Mugabe delivers his state of the nation address to the country's parliament in Harare

Zimbabwe, venerdì giurerà il nuovo presidente Mnangagwa

E' rientrato in aereo ad Harare. Due settimane fa, destituito da Mugabe, era dovuto fuggire. Elezioni entro settembre del 2018

FILE PHOTO - Artistic Gymnastics - Women's Qualification - Subdivisions

Ginnastica Usa, Gabby Douglas rivela: "Anch'io molestata dal medico"

La campionessa olimpica racconta di essere stata una vittima di Larry Nassar, il sanitario già in galera per pedopornografia

Esercitazione dei bombardieri americani nei cieli della Corea del Sud

Usa, aereo militare precipita nel Pacifico: undici persone a bordo

L'incidente potrebbe essere stato causato da problemi al motore