Martedì 22 Novembre 2016 - 19:15

Referendum, Berlusconi: Mediaset vota Sì perché teme ritorsioni

E il comitato per il No annuncia: "Facciamo ricorso se il Sì vince col voto dall'estero"

Referendum, Berlusconi: Mediaset vota Sì? Teme ritorsioni

"Questo governo rimarrà in carica" anche se dovesse vincere il No al referendum costituzionale "perché ha una maggioranza e andrà avanti, anche se fondata su parlamentari incostituzionali". Parola di Silvio Berlusconi, intervenendo a Porta a Porta. "E' Renzi che ha personalizzato - ha spiegato - perché cerca una legittimazione che non ha mai avuto". Ma perché il presidente di Forza Italia vota No al referendum? "Me lo domando anche io...", ha scherzato Berlusconi, che poi ha attaccto: "Voto No per una serie di ragioni serie, perché questa riforma è inefficace e il rischio più grande è che può aprire una deriva autoritaria nel nostro Paese". I vertici Mediaset sono invece per il Sì al Referendum perché "hanno paura di una possibile ritorsione di chi ha il potere". "Ho avuto discussioni a questo livello - ha ammesso il leader di Forza Italia - e ho dovuto accettare, essendoci una maggioranza di risparmiatori e di investitori, che certe dichiarazioni del presidente di Mediaset sono attribuibili alla difesa dei risparmiatori".

Intanto, il Comitato del No annuncia che sarebbe pronto a fare ricorso davanti alla Corte Costituzionale se al referendum costituzionale del 4 dicembre dovesse vincere il Sì con il voto degli italiani all'estero. 

LEGGI ANCHE 'Referendum, comitato per il No: Facciamo ricorso se il Sì vince col voto dall'estero'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Firenze, primo ciak per il docufilm di Matteo Renzi

Pd, Renzi atteso il 6 settembre a festa Unità Ravenna

Ci sarà anche l'ex segretario all'appuntamento. Hanno detto sì anche Fico, Casellati, Gelmini e Giorgetti

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, Mit e Autostrade nel mirino. Pressing per dimissioni Ferrazza

Bufera sull'architetto alla guida della commissione d'inchiesta del ministero

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"