Martedì 22 Novembre 2016 - 19:15

Referendum, Berlusconi: Mediaset vota Sì perché teme ritorsioni

E il comitato per il No annuncia: "Facciamo ricorso se il Sì vince col voto dall'estero"

Referendum, Berlusconi: Mediaset vota Sì? Teme ritorsioni

"Questo governo rimarrà in carica" anche se dovesse vincere il No al referendum costituzionale "perché ha una maggioranza e andrà avanti, anche se fondata su parlamentari incostituzionali". Parola di Silvio Berlusconi, intervenendo a Porta a Porta. "E' Renzi che ha personalizzato - ha spiegato - perché cerca una legittimazione che non ha mai avuto". Ma perché il presidente di Forza Italia vota No al referendum? "Me lo domando anche io...", ha scherzato Berlusconi, che poi ha attaccto: "Voto No per una serie di ragioni serie, perché questa riforma è inefficace e il rischio più grande è che può aprire una deriva autoritaria nel nostro Paese". I vertici Mediaset sono invece per il Sì al Referendum perché "hanno paura di una possibile ritorsione di chi ha il potere". "Ho avuto discussioni a questo livello - ha ammesso il leader di Forza Italia - e ho dovuto accettare, essendoci una maggioranza di risparmiatori e di investitori, che certe dichiarazioni del presidente di Mediaset sono attribuibili alla difesa dei risparmiatori".

Intanto, il Comitato del No annuncia che sarebbe pronto a fare ricorso davanti alla Corte Costituzionale se al referendum costituzionale del 4 dicembre dovesse vincere il Sì con il voto degli italiani all'estero. 

LEGGI ANCHE 'Referendum, comitato per il No: Facciamo ricorso se il Sì vince col voto dall'estero'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Manifestazione nazionale "Mai più fascismi, mai più razzismi"

In piazza a Roma l'antifascismo. Tanta gente e prove di unità a sinistra

Corteo pacifico sotto la pioggia al corteo dell'Anpi e dei sindacati. Renzi, Gentiloni, Boldrini, Grasso, Camusso, Landini e Barbagallo in Piazza del Popolo

Beppe Grillo chiude la festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

M5S, Nuti: "Caiata? Filtri fanno acqua. Di Maio ormai è vecchio politico"

Il deputato dell'ala dura e pura del M5S è uno dei tre parlamentari siciliani coinvolti nell'indagine di Palermo sulle firme ricopiate alle elezioni comunali del 2012

Luigi Di Maio al Ministero dell'Economia

M5s, spunta il candidato condannato: altra tegola per Di Maio dopo il caso Caiata

Antonio Tasso, in corsa nel collegio di Manfredonia-Cerignola, si difende: "Tutti i miei certificati sono puliti"

Elezioni amministrative a Parma, i candidati al voto

Guida al voto: come funziona, cosa si può fare, cosa no e come li contano

Un vademecum per l'elettore alla luce delle novità e dei problemi del "Rosatellum" che andiamo ad applicare per la prima volta