Martedì 14 Novembre 2017 - 23:30

Rapporti a sinistra, il Pd apre il tempo della trattativa

Nelle prossime settimane Piero Fassino vedrà i leader di Mdp, Possibile e Si. Le chiusure di Bersani, le aperture di altri. L'appello di Veltroni a discutere

'Destinazione Italia', Renzi fa tappa a Rovereto

Il giorno dopo la direzione del Pd è il momento del confronto con gli altri partiti e movimenti di sinistra. Mentre l'ex segretario dem, Valter Veltroni, invita a "sedersi intorno a un tavolo e a discutere di programmi", Matteo Renzi ribadisce la volontà di un'alleanza larga ma "senza tatticismi" e si rivolge direttamente ai due storici leader della sinistra che più hanno mostrato chiusure dopo il suo discorso: Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema. "Ho rispetto" per loro ma "penso che il nostro popolo non ne possa più di questo continuo balletto e di queste divisioni. Noi come Pd ci siamo e siamo disposti a superare anche gli insulti del passato, ma bisogna essere in due".

Presto inizieranno gli incontri informali del Pd per cercare di portare il centrosinistra unito alle prossime elezioni: Piero Fassino comincerà dai partiti alla sinistra dei dem (Mdp, Sinistra Italiana e Possibile) ai quali oggi ha inviato un messaggio. I tre leader - Roberto Speranza, Giuseppe Civati, Nicola Fratoianni - potrebbero sedersi insieme al tavolo della trattativa o potrebbe presentarsi solo uno dei tre, ma a nome di tutti. E' probabile che il colloquio avvenga dopo il 2 dicembre quando lanceranno la lista unitaria, in ogni caso nelle prossime settimane in quanto per ora "l'incontro non è in agenda": "Una delegazione vedrà i Dem ma non subito, abbiamo altre priorità", fanno sapere.

Sarà invece Lorenzo Guerini ad aprire il confronto con i centristi. Nel suo viaggio tra le province italiane a bordo del treno Pd, Renzi è ripartito dal Veneto con un piglio ottimista, proprio all'indomani della direzione Pd: nella sua e-news ha lanciato l'ottava edizione della Leopolda, dal titolo 'Incontro' (da venerdì 24 novembre a domenica 26 novembre), e ha ribadito come la vera sfida oggi sia "il futuro, senza abiure e senza veti. Su questo siamo concentrati e su questo chiameremo a impegnarsi le energie migliori del Paese".

Anche chi in un primo momento è sembrato scettico sulle parole del segretario del partito, come il ministro della Giustizia Andrea Orlando che in direzione si è astenuto dal votare il documento finale insieme ai suoi, oggi le ha definite presupposti "seri e concreti". "Sembra che effettivamente il messaggio alle altre forze politiche sia serio, mi auguro che si risponda con altrettanta serietà", ha dichiarato il Guardasigilli.

Chi invece sembra non voler concedere nulla è Mdp: Bersani invita Renzi ad andare a trattare con loro "con delle proposte" mentre per il governatore della Toscana, Enrico Rossi, Renzi dovrebbe rinunciare esplicitamente a una nuova candidatura a presidente del Consiglio ed escludere chiaramente future alleanze con Forza Italia. Altrimenti, afferma a Circo Massimo su Radio Capital, "sarebbe meglio facesse il Macron italiano".

Spiragli, nelle parole. Ma nei fatti, sono ancora enormi le distanze a sinistra. E si torna, quindi, all'appello di Veltroni: "Io quello che chiedo ai due schieramenti è questo: sedetevi intorno a un tavolo, discutete di programmi. La prima risposta dopo la direzione è stata 'è troppo tardi': ma come troppo tardi? È ora il momento".

Scritto da 
  • Valentina Innocente
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dibattito confronto tra le candidate presidenti del X Muncipio

Ostia,ballottaggio blindato ma si chiude senza big. Scintille Meloni-M5S

Al primo turno la candidata pentastellata Di Pillo è stata la più votata con il 30,21%, seguita da quella del centrodestra Picca con il 26,68%

Paolo Gentiloni e Walter Veltroni alla presentazione del libro "Quando"

Gentiloni: "Il centrosinistra sia largo e unito"

Il premier avverte: "Rifugiarsi nella nostalgia del passato è un rischio drammatico"

Gianfranco Fini ospite a "Porta a Porta"

Gianfranco Fini in Procura. E' stato sentito sul caso Tulliani

E' indagato per riciclaggio. Il cognato alla testa di un'organizzazione criminale che faceva girare milioni

Presidio dei Radicali Italiani per il biotestamento

Scheda, nella legge sul Biotestamento, il diritto di rifiutare cibo e acqua

Ecco il testo approvato lo scorso 20 aprile alla Camera. Stabilito il diritto alla dignità e all'autodterminazione