Mercoledì 16 Marzo 2016 - 14:45

Ranieri: Credo che Leicester sarà il mio ultimo club

"Spero che mi facciano un contratto lungo, di sei o sette anni, e di ritirarmi qui"

Claudio Ranieri

"Io sto bene al Leicester e non penso a muovermi. Credo che questo sia il mio ultimo club. Spero che mi facciano un contratto lungo, di sei o sette anni, e di ritirarmi qui". Claudio Ranieri, tecnico delle Foxes, sembra chiudere così le porte ad un futuro lontano della Premier League, dopo che il mister romano era stato accostato alla Nazionale per il dopoclub.

Intervistato dal quotidiano spagnolo 'Marca' ha spiegato così i segreti della sua squadra, in testa con 5 punti sul Tottenham: "Il nostro successo nasce da una combinazione di diverse circostanze. Le grandi di Premier non stanno facendo quello che avrebbero dovuto fare e noi stiamo facendo un anno che nessuno si aspettava. Sappiamo che non abbiamo ancora fatto niente. E' incredibile il percorso di un club piccolo come il nostro in un'epoca caratterizzata da società con grandi budget". E sulle proprie stelle (da Vardy a Mahrez, passando per Kantè) dice: "Bisogna vedere, al Leicester sono dei re. Tutto va bene e tutti sono contenti, però quando si va in un grande club la pressione è enorme".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conte contro Mourinho: "Lasci stare il Chelsea, pensi al suo United"

Conte contro Mourinho: "Lasci stare il Chelsea, pensi al suo United"

La replica dopo le critiche di Mou sugli allenatori che "piangono e si lamentano a causa degli infortuni"

Champions League, Manchester City vs Napoli

Catalogna, Guardiola dedica la vittoria del City a indipendentisti in prigione

Jordi Sanchez e Jordi Cuixart sono in carcere per sedizione

Messi diventerà papà per la terza volta

La moglie Antonella Roccuzzo è in dolce attesa: è lei stessa a confermarlo con una tenera foto su Instagram

Pochettino contro Guardiola: "Ha mancato di rispetto al Tottenham"

Pochettino contro Guardiola: "Ha mancato di rispetto al Tottenham"

Il manager degli Spurs non ha gradito le parole del tecnico del City che ha definito il club "la squadra di Harry Kane"