Mercoledì 19 Aprile 2017 - 16:45

Rai, Minzolini: O si privatizza o una rete col canone e due da pubblicità

Domani il Senato dovrebbe votare le dimissioni presentate dallo stesso parlamentare

Rai, Minzolini: O si privatizza o una rete col canone e due da pubblicità

 "Per il servizio pubblico - posso parlare di Porta a porta o di Report - la ricerca dell'audience a tutti i costi è l'obiettivo principale o no? O noi decidiamo per una privatizzazione oppure facciamo una rete finanziata solo col canone e altre due solo con la pubblicità. Se noi mettiamo insieme tutte e tre queste cose, creiamo il vero male di questa azienda che è una zona grigia dove tutto è fatto dall'editore di questa azienda che è la politica". Così il senatore Fi Augusto Minzolini, membro della commissione di Vigilanza Rai ed ex direttore del Tg1, nel corso dell'audizione della presidente Rai Monica Maggioni e del cda. Domani il Senato dovrebbe votare le dimissioni presentate dallo stesso Minzolini.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale