Giovedì 12 Ottobre 2017 - 13:15

Rai, cambiano i direttori: Teodoli va a Rai1, Fabiano a Rai2. Via Dallatana

A Rai Gold arriva Roberta Enni. L'attuale responsabile della seconda rete "verso nuove esperienze professionali"

Rai, cambiano i direttori: Teodoli a Rai1, Fabiano a Rai2. Via Dalla Tana

Cambio alla direzione delle reti Rai. A quanto si apprende, durante il Consiglio di amministrazione che si è svolto questa mattina, è stato deciso che a capo di Rai1 arriverà Angelo Teodoli, oggi direttore di Rai Gold e dal 2012 al 2016 di Rai2. Al suo posto a Rai Gold arriva Roberta Enni. Andrea Fabiano, quindi, lascia la direzione di Rai1 per approdare a quella di Rai2 al posto di Ilaria Dallatana che, a quanto si apprende, abbandona viale Mazzini.

Il cda della Rai, riunitosi oggi sotto la Presidenza di Monica Maggioni e alla presenza del direttore generale Mario Orfeo, preso atto della volontà della dottoressa Ilaria Dallatana di affrontare nuove e impegnative esperienze professionali, ha espresso all'unanimità parere favorevole alla proposta del Direttore Generale di affidare la direzione di Rai2 ad Andrea Fabiano". Lo si legge nel comunicato ufficiale della Rai al termine del Cda.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Berlusconi contro Sorrentino: "Il suo film è attacco politico"

L'ex Cav attacca l'ultimo lavoro del regista in cui Toni Servillo veste i suoi panni

Inaugurazione della stagione al Teatro Manzoni

Berlusconi: "Referendum sull'autonomia in tutte le regioni italiane"

Maroni: "Sono contento se in Lombardia riusciamo a superare il 34% dell'affluenza"

Presentazione del libro di Piero Fassino "Pd davvero"

Bankitalia, Renzi: "Sulle banche è mancata vigilanza efficace, serve una fase nuova"

Ieri l'ok alla mozione dem contro Visco. Mattarella: "Si rispetti l'interesse del Paese"

Gentiloni parla di Ue, Di Battista attacca: "Lei è solo un fantasma"

Gentiloni parla di Ue, Di Battista attacca: "Lei è solo un fantasma"

Il premier preso di mira dopo il suo intervento alla Camera in vista del Consiglio europeo del 19 e 20 ottobre