Lunedì 15 Febbraio 2016 - 13:00

Rai, Cairo: Riforma? Scandalo 300mln in più per 1 solo player

"Il servizio pubblico deve essere definito dal governo e non dalla Rai" ha detto l'editore di La7

Urbano Cairo

"Io credo che vada ripensato tutto l'assetto della tv. Credo che sia uno scandalo che un solo player riesca ad avere qualcosa come 300 milioni in più dal canone per il recupero dall'evasione, cosa che è sacrosanta. Non è giusto che dopo 8 anni di vacche magre e 4 anni in cui la Rai ha fatto un dumping incredibile sui prezzi, le danno 300 milioni in più. Unico soggetto in Italia: se uno pensato una riforma per fare male a tutti gli altri attentamente, non l'avrebbe fatta così bene". Lo ha detto Urbano Cairo, editore di La7, a margine della presentazione del Premio Cairo, a Milano, rispondendo ad una domanda sulla riforma della Rai.

 

"In Gran Bretagna - ha aggiunto - si parla della nuova convenzione tv-Stato da due anni. Il servizio pubblico deve essere definito dal governo e non dalla Rai. Perché il Tg1 è servizio pubblico e il tg di Mentana no? Perché 'Ballarò' è servizio pubblico e 'Dimartedì' no? Perché Crozza non è servizio pubblico e Sanremo o Panariello lo sono? Qualcosa in più dal governo me lo sarei aspettato, ma non ha fatto nulla", ha concluso Cairo.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

CGIL. Convegno "Oltre le crisi bancarie crescita uguaglianza lavoro"

Manovra, Camusso: "Sciopero se necessario". Padoan: "Che legge ha visto?"

Botta e risposta tra la leader della Cgil e il ministro dell'Economia dopo l'approvazione della manovra

FILE PHOTO: Telecom Italia logo is seen at the headquarters in Milan

Tim, Governo esercita Golden Power e chiede di entrare in CdA

Un comitato tecnico all'interno del Governo ha svolto un'istruttoria sul caso, individuando elementi strategici per la sicurezza nazionale

Aeroporto di Torino Caselle

Alitalia, arrivate 7 offerte: Lufthansa e Easyjet si fanno avanti

Nessuna delle due compagnie vuole acquisire per intero la ex compagnia di bandiera