Martedì 03 Gennaio 2017 - 20:15

Rai, bocciato il piano di Verdelli sulle news: Pronto a dimettermi

Il Cda critico sul programma di riforma del direttore editoriale per il coordinamento dell'offerta informativa

Rai, bocciato il piano di Verdelli sulle news: Pronto a dimettermi

Non si può dire che il piano di riforma della Rai firmato dal direttore editoriale per il coordinamento dell'offerta informativa​ Carlo Verdelli sia naufragato, ma senz'altro verrà rivisitato e integrato. E' quanto emerge dalla riunione informale del Cda Rai che si è tenuta oggi, dove però non c'è stato nessun voto. I consiglieri hanno messo nero su bianco le critiche alla proposta di rinnovo del sistema delle news avanzata da Verdelli e, su questa base, il direttore generale Antonio Campo Dall'Orto elaborerà una sintesi tra le osservazioni emerse e il documento elaborato dal direttore editoriale per il coordinamento dell'offerta informativa. Dopo la sostanziale bocciatura del piano, Verdelli si è detto pronto a rassegnare le proprie dimissioni, la lettera è attesa a stretto giro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

TOPSHOT-ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico". Ue: "Italia ha ragione su cooperazione"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici e l'Irlanda prenderanno una quota di persone. Governo: "Per la prima volta sono sbarcati in Europa"

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto