Giovedì 16 Febbraio 2017 - 11:00

Raggi: Terza polizza di Romeo? Io estranea, avvocati al lavoro

"Sono io la prima a voler capire cosa sta succedendo", ha dichiarato la sindaca

Raggi: Terza polizza di Romeo? Io estranea, avvocati al lavoro

"Ho letto anche stamattina di questa polizza. Chiaramente sono io la prima a voler capire cosa sta succedendo. È una vicenda che mi vede del tutto estranea". Così, entrando in Campidoglio, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha commentato le notizie apparse sui giornali di una presunta terza polizza che l'ex capo segreteria politica, Salvatore Romeo, le avrebbe intestato. A chi le chiedeva se si sentisse "incastrata" o se avesse intenzione di querelarlo, Raggi ha risposto: "Stiamo lavorando con gli avvocati per capire cosa fare".

Sembra, infatti, che la terza polizza sia stata stipulata dopo la convocazione della sindaca, indagata per abuso d'ufficio, da parte della magistratura. Sarebbe stata aperta il 26 gennaio scorso, 48 ore dopo la notifica dell'avviso a comparire alla Raggi. Secondo gli inquirenti, la mossa sarebbe inspiegabile, tanto da far pensare ad una manovra studiata apposta per incastrare Raggi.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale