Martedì 16 Maggio 2017 - 20:00

Sindaca Raggi contestata da CasaPound a Roma / VIDEO

La sindaca interveniva sullo studio di fattibilità sulla funivia Casalotti-Battistini

Contestazione di CasaPound durante la conferenza stampa sul progetto della funivia Casalotti Battistini

Virginia Raggi è costretta a lasciare la conferenza stampa sui risultati della prima fase dello studio di fattibilità sulla funivia Casalotti-Battistini a Roma, contestata aspramente da una quarantina di rappresentanti di CasaPound. La situazione è tornata alla normalità e la sindaca di Roma, Virginia Raggi, è potuta tornare in conferenza stampa.

Gli attivisti hanno cercato di forzare il cordone delle forze dell'ordine e di srotolare uno striscione ma sono stati bloccati e successivamente si sono allontanati dalla sede del Municipio XIII sulla Via Aurelia dove è in corso la conferenza. Una volta rientrata nella sala consiliare del Municipio la Raggi ha commentato l'accaduto con un 'Ci riproviamo". "E' un progetto importante che siamo felici di presentare con i cittadini ma tutto va fatto in condizioni di sicurezza e prima non c'erano", ha aggiunto.
 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trasmissione tv "Night tabloid"

Con pistola portano via 20mila euro dal Twiga di Briatore e Santanché

Il bandito si sarebbe introdotto nel club dalla spiaggia e sarebbe scappato in macchina con un complice

Roma, maltempo con pioggia e nuvole

Meteo, nuvole e temperature in calo: le previsioni per il 20 e il 21 agosto

Tempo instabile soprattutto sul medio-basso Adriatico

Grosseto, capo vigili di Monte argentario spara a figlio e si uccide

Roma, cancello si scardina: bimbo muore a 4 anni

Il cancello si è sganciato dai binari e gli è caduto addosso: per il piccolo non c'è stato nulla da fare

Turisti e sicurezza in città'

Isis minaccia su Telegram: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Lo riferisce l'organizzazione Usa Site. Il Viminale comunica di aver espulso due marocchini e un siriano per motivi di pericolosità sociale