Giovedì 17 Novembre 2016 - 14:15

Quick, Draw!: il gioco di Google che indovina i vostri disegni

Si tratta di un progetto di intelligenza artificiale

Quick, Draw!: il gioco di Google che indovina i vostri disegni

Avete venti secondi per disegnare un serpente, un elmetto, un passaporto, dei broccoli o un pizzetto. O tante altre cose. Un software online dovrà intuire i vostri disegni, o meglio i vostri scarabocchi, nel corso di sei turni in cui poter dimostrare la propria abilità pittorica. Quick, Draw! non è solo un gioco, da cui difficilmente riuscirete a staccarvi, ma un esperimento di intelligenza artificiale promosso da Google e da altri collaboratori.

Si tratta di uno degli otto progetti in corso d'opera attualmente visibili nella sezione A.I. Experiments. E' una sorta di Pictionary digitale, ma in questo caso l'avversario è un computer abile nel cimentarsi in funzioni e ragionamenti tipici della mente umana.

Riuscirà 'una rete neurale artificiale' a riconoscere i vostri scarabocchi? E a diventare ancor più intelligente grazie al vostro contributo? Provare per credere, funziona anche su mobile. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

World Emoji Day

World Emoji Day, le faccine stabiliscono un nuovo record

Mai prima d'ora tante persone si erano vestite da emoticon contemporaneamente

Scoperta al Cern, osservato per la prima volta il 'barione Xi' (immagine tratta dal sito del Cern)

Scoperta al Cern, osservato per la prima volta il 'barione Xi'

Fornirà uno strumento unico per approfondire la cromodinamica quantistica, la teoria che descrive la forza forte

Usa, si dichiara a due sorelle: la doppia proposta di matrimonio fa il giro del mondo

Si è presentato con due anelli: uno per Ashley, l'altro per Hannah. La storia di Will ha commosso migliaia di persone ed è diventata virale in poche ore

Entro il 2035 applicazioni commerciali per le auto volanti

Entro 2035 arriveranno applicazioni commerciali per auto volanti

Lo slancio sarà dato dall'ingresso nel mercato 'flying cars' di Airbus, Google e Uber