Lunedì 18 Gennaio 2016 - 12:00

Quarto, Capuozzo: M5S è scappato invece di combattere malaffare

Duro attacco della sindaca al movimento guidato da Grillo e Casaleggio dopo la decisione di esplellerla

La sindaca di Quarto Rosa Capuozzo espulsa dal M5S

"E' inutile avere le mani pulite se poi le si tiene in tasca. Il M5s ha avuto l'occasione di combattere il malaffare in prima linea con un suo sindaco che lo ha fatto, ma ha preferito scappare a gambe levate, smacchiarsi il vestito, buttando anche il bambino insieme all'acqua sporca". Lo scrive su Facebook Rosa Capuozzo, la sindaca di Quarto (Napoli) espulsa dal M5S. "Non si governano così i Comuni ed i territori difficili - aggiunge Capuozzo -, non si abbandonano così migliaia di persone che hanno creduto in noi e nel movimento. E' una forma di rispetto che Quarto meritava: rimanere e combattere.

Su Quarto, ha rimarcato, "è stata fatta una scelta politica in una stanza grigia di Milano. Io ho fatto una scelta di principio per i cittadini onesti di Quarto. Ora lavoreremo per il territorio in modo ancora piu' incisivo con i principi del movimento nell'anima". "Mi ripeto citando Don Milani - conclude - 'è inutile avere le mani pulite e poi tenerle in tasca'".

 

E' inutile avere le mani pulite se poi le si tiene in tasca. Il m5s ha avuto l'occasione di combattere il malaffare in...

Posted by Rosa Capuozzo on Lunedì 18 gennaio 2016

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-ACCIDENT-BRIDGE-COLLAPSE

Genova, l'Independent attacca il governo: "Stolte accuse all'Ue"

Editoriale durissimo: "La gang di populisti ha cercato di sfruttare il tragico crollo del ponte a fini politici". La commissione: "Sicurezza spetta a concessionario"

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015