Martedì 24 Ottobre 2017 - 17:00

PyeongChang 2018, Arianna Fontana portabandiera: Sarà stimolo in più

È la settima italiana di sempre a portare la bandiera alle Olimpiadi invernali

Gold medallist Fontana of Italy celebrates during victory ceremony for women's 1500m final at ISU World Short Track Speed Skating Championships in Moscow

Emozionata ma determinata. Arianna Fontana sarà la portabandiera italiana ai Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang 2018. Lei, che in Corea del Sud dovrà sfidare nella 'tana del lupo' le campionesse dello short track, non vede l'ora che sia febbraio per poter sventolare il tricolore alla cerimonia di apertura.

"Sarà fantastico", non un peso ma "una carica in più ed uno stimolo". Del resto la responsabilità non è mai stata una problema per una ragazza che in carriera è riuscita a vincere cinque medaglie olimpiche (1 argento e 4 bronzi), la prima a Torino 2006 a a soli 15 anni e 10 mesi, la più giovane italiana di sempre nella storia delle Olimpiadi Invernali.

Fontana è la prima portabandiera dello short track, il pattinaggio di velocità in pista piccola nella storia tricolore, la settima donna di sempre alle Olimpiadi invernali, la seconda lombarda dopo Deborah Compagnoni e anche la seconda atleta della federazione italiana sport del ghiaccio, dopo Carolina Kostner. La sua investitura arriva dopo quella di un'altra donna, Federica Pellegrini, che portò il tricolore ai Giochi di Rio 2016. "Spero che la mia nomina come portabandiera sia un segnale importante per le donne e faccia sentire tutte più forti visto quello che ancora succede nel mondo. Senza noi donne gli uomini sarebbero persi", il suo commento. Una ragazza acqua e sapone ma dal carattere forte. Di poche parole ma mai banale nelle sue esternazioni. Una tigre capace di scatenarsi sul ghiaccio in una disciplina dove, come spiega il presidente della Fisg Andrea Gios: "servono dinamismo ed intelligenza tattica".

L'obiettivo di Arianna per i Giochi è chiaro: "Entrare in finale in tutte le specialità" e poi giocarsela sfruttando anche magari la grande rivalità sportiva fra coreane e cinesi dove potrebbe infilarsi a sorpresa da terzo incomodo. "Su Arianna non avevamo dubbi, è giusto che sia lei la portabandiera", spiega il presidente del Coni, Giovanni Malagò. Il numero uno dello sport italiano sottolinea poi come Fontana da sola abbia vinto "il 37.8% delle medaglie italiane a Sochi". "È una vittoria anche dello short track, che non aveva mai avuto un portabandiera e della Valtellina", aggiunge ancora. Finora in tre Olimpiadi disputata la ragazza di Sondrio è sempre tornata a casa con almeno una medaglia al collo. Ora, a soli 27 anni, è gia considerata una veterana. Ma non sarà certo un problema per un'atleta che ha come idolo assoluto un iron man come il campione delle due ruote Valentino Rossi.
 

Scritto da 
  • Andrea Capello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dal profilo Facebook di Martino Goretti

Europei di canottaggio, per l'Italia due bronzi e un argento

Secondo posto nel singolo pesi leggeri maschile. Azzurri terzi nel doppio pesi leggeri maschile e nel singolo pesi leggeri femminile

Discussione su dossier olimpico di Torino in consiglio comunale

Torino, Milano e Cortina inviano candidatura per Olimpiadi 2026. Malagò: "Coni laico"

Le tre città hanno rispettato la scadenza del 3 luglio. Appendino a Roma incontra Diana Bianchedi per illustrare il dossier