Martedì 23 Agosto 2016 - 10:30

'Prostituta negli anni '90': Melania Trump fa causa al Daily Mail

La moglie del magnate accusa il quotidiano di diffamazione

'Prostituta negli anni '90': Melania Trump fa causa al Daily Mail

Melania Trump, moglie del candidato repubblicano alle presidenziali americane Donald Trump, prepara un'azione legale contro il quotidiano britannico Daily Mail per un articolo sul suo passato che ritiene diffamatorio. Lo ha fatto sapere il suo avvocato, Charles Harder, in una nota ripresa da Politico: "La signora Trump ha avvertito diversi media delle sue rivendicazioni contro di loro, incluso il Daily Mail, per dichiarazioni false e diffamatorie sul fatto che sarebbe stata una prostituta negli anni '90". Secondo il legale, l'aspirante first-lady "comprende che i media hanno un certo margine nella campagna presidenziale, ma mentire totalmente su di lei in questo modo eccede ogni limite del rapporto appropriato tra notizie e decenza umana".

L'avvocato fa riferimento a un articolo pubblicato lo scorso 19 agosto dal Daily Mail, che mette in dubbio la biografia e la carriera come modella di Melania Trump, di origine slovena e sposata dal 2005 con il magnate. Harder di recente ha fatto notizia sui media americani per aver rappresentato l'attore ed ex lottatore Hulk Hogan nel caso contro il fondatore del sito di news e gossip americano Gawker Media, Nick Denton.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Germania, festival neonazista per celebrare il compleanno di Hitler

Germania, due morti in una sparatoria a Saarbrücken

Non si tratterebbe di attentato, ma di un crimine in ambiente familiare