Giovedì 07 Dicembre 2017 - 13:45

Prodi: "Pisapia non si è dimesso. Mancavano le motivazioni"

Per l'ex leader dell'Ulivo la questione dell'unità del centrosinistra non è ancora chiusa: "Si tenterà di nuovo"

Presentazione del libro "Nell'anima della Cina"

"Pisapia non si è dimesso, ha constatato che non c'erano motivazioni sufficienti per andare avanti". Romano Prodi analizza la vicenda del centrosinistra e la decisione dell'ex sindaco di Milano a chiudere sul nascere l'esperienza di "Campo Progressista", parlando a Roma, alla "Nuvola" di Fuksas in occasione della prima giornata di "Più libri, più liberi". Secondo l'ex premier dei tempi dell'Ulivo, la storia non è chiusa e c'è ancora tempo per ricompattare il centrosinistra. "Si tenterà di nuovo - ha detto Prodi - perché serve al Paese. Giuliano Pisapia ci ha provato, ha esplorato e non ha trovato o in se stesso o nel gruppo di riferimento le motivazioni sufficienti per andare avanti".

Una difficoltà che Prodi vede anche dall'altra parte della barricata: "La stessa crisi nella ricomposizione del disegno politico ce l'ha la destra". "D'altra parte, ragazzi, il problema qui è che bisognerebbe ricominciare daccapo. Quando io sono entrato in politica non è che abbia inventato gran che, però c'era un disegno molto preciso delle cose e dei contenuti da mettere insieme. Con me c'era un disegno preciso delle cose e dei contenuti da mettere insieme. Poi ovviamente il Paese brucia tutto, ti fa la critica perché è un programma di 400 pagine... Dopo di che ti arriva il programma di 140 lettere ma non è che sia più soddisfacente di quello che c'era".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Appalti rifiuti, Roberto De Luca si dimette da assessore: "Provocazione vergognosa"

Il figlio del governatore della Campania è indagato per corruzione su presunti casi di mazzette

M5S, Masciari: "Denunciare i boss non è bastato. Mia fedina pulita"

Intervista all'imprenditore calabrese e testimone di giustizia che ha denunciato il racket e ora candidato

Napoli, il leader del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio al Teatro Sannazzaro

Rimborsi M5S, Le Iene rivelano altri tre nomi. Della Valle: "Taroccavo i bonifici con Photoshop"

I pentastellati coinvolti sarebbero: Cariello, Scagliusi e Dieni. La Dieni: "Falso. Ho versato fino all'ultimo euro"

Rimborsi M5S, Sarti si autospende. Interrogato l'ex De Girolamo

La decisione della deputata pentastellata: "Tutto dovrà essere chiarito nelle sedi opportune"