Martedì 12 Dicembre 2017 - 15:00

Processo Occhionero, pm: "Carpite 3,5mln mail, è spionaggio politico"

Nuove accuse contro i fratelli del cyberspionaggio

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando incontra L'ANM

Seimila persone spiate e oltre tre milioni e mezzo di mail carpite dal 2004. Sono i dati contenuti nelle nuove accuse della procura di Roma a Giulio e Francesca Maria Occhionero, i due fratelli già a processo per cyberspionaggio. Il pm Eugenio Albamonte, responsabile dell'indagine, contesta ora a entrambi il reato di spionaggio politico. 

I dati della nuova tranche di inchiesta, resi noti oggi dal pm durante l'udienza del processo a carico dei due fratelli, arrivano dopo mesi di lavoro degli specialisti del Cnaipic, il Centro nazionale anticrimine informatico della Polizia postale, che grazie alla collaborazione del Fbi hanno sbloccato i server utilizzati dagli imputati per conservare, e nascondere, l'enorme archivio di dati in loro possesso.

L'inchiesta sugli episodi di hackeraggio compiuti dagli Occhionero, non ha mai completamente chiarito, con quali fini i due fratelli carpissero dati: venne ipotizzato che volessero fornire informazioni su appalti, o investire in borsa, o forse accumulare una serie di dati sensibili legati alla sfera personale di personalità che un giorno avrebbero utilizzato in altro modo.

Gli investigatori hanno accertato che i due gestivano una rete di computer (botnet), infettati con un malware chiamato 'Eyepyramid'. L'inchiesta è partita dalla segnalazione al Cnaipic dell'invio di una mail, arrivata all'Enav, che conteneva il virus in questione, il cui codice di acquisto rimandava a Giulio Occhionero.

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Empoli, donna incinta di quattro settimane muore in ospedale

Era ricoverata da sei giorni per rischio disidratazione, dopo l'ultimo giro di visite la situazione è precipitata

SPAIN-EU-MIGRANTS

Migranti, il campione Nba Marc Gasol: "Ho deciso di aiutare dopo la foto di Aylan"

Il giocatiore di basket era a bordo dell'imbarcazione della Ong Open Arms che ha recuperato Josephine rimasta in mare per 48 ore. "Se ci avessero dato la posizione esatta della zattera avremmo potuto salvare anche il bambino"

Presidio di protesta contro l’abusivismo nel settore dei taxi a Milano

Milano, tassista abusivo violenta giovane cliente: arrestato

La 20enne era uscita da una discoteca ed è stata avvicinata dall'uomo che l'ha violentata in un parcheggio