Giovedì 05 Maggio 2016 - 12:15

Processo Maugeri, Regione chiede 5,6 milioni di danni a Formigoni

La richiesta è stata formulata dall'avvocato Domenico Aiello

Processo Maugeri, Regione chiede 5,6 milioni di danni a Formigoni

 La Regione Lombardia, parte civile nel processo milanese che vede imputati per associazione per delinquere e corruzione l'ex governatore lombardo Roberto Formigoni e altre nove persone, ha chiesto oggi all'ex presidente della Regione un risarcimento di 5,6 milioni di euro a titolo di provvisionale. La richiesta è stata formulata dall'avvocato Domenico Aiello, che ha spiegato che la cifra richiesta rispecchia "l'utilità pervenuta a Formigoni" dai reati commessi "e provata in dibattimento". L'avvocato ha anche chiarito che i due poli sanitari coinvolti, Ospedale San Raffaele e Clinica Maugeri, "rimangono centri di eccellenza mondiali".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Maltempo, il fiume Enza rompe gli argini e allaga la frazione di Brescello

Il tempo migliora, scendono i fiumi e si contano i danni. In arrivo altre due perturbazioni

Ancora qualche zona in allarme rosso. Nel weekend, però arrivano pioggia, neve a bassa quota e tanto freddo

Trenord, deraglia un treno nei pressi della stazione di Pioltello

Attraversano al passaggio a livello, travolti due anziani a Cesano Maderno

Marito e moglie di 78 e 75 anni. Le sbarre erano abbassate. Forse lui ha perso il cappello e lei si è chinata a raccoglierlo mentre arrivava il treno

Corteo del movimento di destra Forza Nuova nellle vie del quartiere EUR

Riorganizzazione fascista: perquisiti militanti di estrema destra a Varese

Lo scorso novembre il movimento Do.Ra ha commemorato con i colori della bandiera nazista per i morti dell'esercito tedesco, e non era la prima volta

Silvio Berlusconi incontra i cittadini ai gazebi di Forza Italia a Milano

Uccise un ladro a colpi di pistola: archiviata accusa di omicidio

L'episodio risale all'ottobre 2015. La vittima era un 22enne albanese. Il giudice: "È stata legittima difesa"