Martedì 12 Gennaio 2016 - 13:45

Privatizzazione Ferrovie, Padoan: Tempi legati ai risultati

Dal piano complessivo delle privatizzazioni, secondo il ministro, "l'Italia potrà ricavare risorse pari allo 0,5% del Pil"

Il ministro Pier Carlo Padoan

"Dal piano complessivo delle privatizzazioni per il periodo tra il 2016 e il 2018 l'Italia potrà ricavare risorse pari allo 0,5% del Pil". Lo ha spiegato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan durante un'audizione alla Camera sulla privatizzazione di Ferrovie. "Tali risorse - ha aggiunto il ministro - andranno alla riduzione del debito pubblico". "I tempi di privatizzazione parziale di Ferrovie saranno legati ai risultati di gestione in modo che il bene possa essere valorizzato al massimo".

Più in dettaglio il ministro ha aggiunto che "la cessione dovrà arrivare in un arco temporale nel corso del quale si dovrà tener conto delle condizioni di mercato e della preparazione dell'azienda alla quotazione". "La proprietà della Rete ferroviaria resterà in mano pubbliche fermo restando che ci sarà una diversificazione tra proprietà e gestione. Il modello che verrò seguito per la privatizzazione della società - ha aggiunto - sarà quello della valorizzazione delle holding, che si è dimostrato il più efficace".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

US-ENGLAND-ART

Tensione sui prezzi a luglio. L'inflazione sale all'1,5%

Un aumento dello 0,2% su base annua. Crescono alcuni bene di consumo. Meno i servizi

Sciopero di 24 ore dei piloti Ryanair

Ryanair, sciopero dei piloti in 5 Paesi europei: coinvolti 55mila passeggeri

Braccia incrociate in Belgio, Svezia, Irlanda, Germania e Olanda. Cancellati 400 voli