Giovedì 25 Febbraio 2016 - 13:15

Privacy, Obama firma nuova legge: dà fiducia per accordo Usa-Ue

Estende ai cittadini dei Paesi alleati le tutele della privacy già previste per quelli degli Stati Uniti

Privacy, Obama firma nuova legge: dà fiducia per accordo Usa-Ue

Mentre i riflettori sono tornati a puntarsi sul caso Nsa dopo la rivelazione delle intercettazioni Usa a Silvio Berlusconi, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha firmato ieri sera il 'Judicial Redress Act'. Si tratta di una legge che estende anche ai cittadini dei Paesi alleati le tutele della privacy già previste per i cittadini degli Stati Uniti (e sancite dal 'Privacy Act'), permettendo in pratica agli stranieri di fare causa al governo degli Stati Uniti se i loro dati saranno svelati in modo illegale. Un diritto del quale già godono in Ue i cittadini statunitensi, sottolineano da Bruxelles. Firmando la legge Obama ha affermato: "Prendiamo la nostra privacy sul serio, insieme al nostro impegno per l'innovazione".

 

Il provvedimento è stato concepito a seguito dello scandalo sul programma di sorveglianza della National security agency (Nsa) rivelato nel 2013 dalla talpa Edward Snowden: dalle rivelazioni era emerso che erano stati spiati anche leader eu  ropei, come per esempio la cancelliera Angela Merkel. La firma del 'Judicial Redress Act' è di rilievo perché, dopo le tensioni fra Stati Uniti ed Europa proprio sull'onda dello scandalo Nsa, è ritenuto un passo verso l'avvicinamento delle posizioni Usa e Ue quanto a protezione dei dati personali. Un passo che potrebbe essere utile a finalizzare un accordo fra Washington e Bruxelles per sostituire il cosiddetto 'Safe Harbor', cioè 'Porto sicuro', che era stato respinto il 6 ottobre 2015 dalla Corte di giustizia europea.

 

Il dibattito fra Stati Uniti e Ue, quanto a dati personali, si muove su due binari. Da una parte la discussione verte sullo scambio di dati a livello commerciale (questo aspetto era regolamentato dal 'Safe Harbor' del 2000, ma dopo la bocciatura della Corte di Lussemburgo le parti hanno raggiunto lo scorso 2 febbraio un nuovo accordo che si chiama 'Privacy shield', che però non è stato ancora finalizzato e rischia un nuovo ricorso alla Corte di giustizia europea); dall'altra si discute di scambio di informazioni a fini giudiziari e di sicurezza (questo aspetto dovrebbe essere regolamentato dal cosiddetto 'accordo ombrello Ue-Usa sulla protezione dei dati', raggiunto in linea di principio l'8 settembre 2015, ma di cui si attende la firma e che è stato criticato in Europarlamento).

 

In questa luce vanno lette le dichiarazioni della Commissaria europea per Giustizia, Tutela dei consumatori e Uguaglianza di genere, Vera Jourovß, che ha commentato la firma della legge da parte di Obama definendola un "risultato storico nei nostri sforzi per ripristinare la fiducia". Jourova, che ha ricordato come la Commissione stia lavorando al fine di giungere all'applicazione del 'Privacy shield', si è concentrata sul sottolineare che la nuova legge degli Stati Uniti "spiana la strada alla firma dell'accordo ombrello Ue-Usa sulla protezione dei dati". Questo accordo ombrello - spiega - dovrebbe "garantire un alto livello di protezione di tutti i dati personali, indipendentemente dalla nazionalità, quando vengono trasferiti da una parte all'altra dell'Atlantico per questioni giudiziarie". Inoltre "rafforzerà la privacy assicurando la certezza legale nell'ambito di scambi di dati fra polizia e autorità giudiziarie" e questo, afferma Jurova, "è cruciale per mantenere gli europei sicuri attraverso una cooperazione efficiente e robusta fra l'Ue e gli Usa nella lotta contro il crimine e il terrorismo".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Giappone, politici 'indossano' pancione: uomini, partecipate ai lavori di casa

Giappone, politici 'indossano' pancione: uomini aiutate in casa

Tre politici giapponesi si mobilitano per invitare gli altri uomini a dare una mano

Materiale per bombe in un'auto tra Austria e Germania: 4 arresti

Materiale per bombe in un'auto tra Austria e Germania: 4 arresti

L'autostrada 93 nei pressi di Kiefersfelden è rimasta bloccata per alcune ore

Obama: Peres un gigante del 20esimo secolo come Mandela e Regina Elisabetta

Obama: Peres un gigante del 20esimo secolo come Mandela

"Pace nelle mani della prossima generazione israeliana"

Clinton: Tenere in vita eredità di Shimon Peres, era una 'pietra miliare'

Clinton: Tenere in vita eredità di Shimon Peres, era una 'pietra miliare'

Era seguito da molti giovani, che erano ispirati dalle sue azioni"