Martedì 18 Aprile 2017 - 18:45

Prince, nuovi dettagli a un anno dalla morte: casa piena di oppiacei

Gli investigatori non hanno ancora identificato chi ha fornito all'artista la dose di antidolorifico rivelatasi poi fatale

Prince, nuovi dettagli a un anno dalla morte: casa piena di oppiacei

A un anno di distanza dalla morte di Prince, scomparso il 21 aprile nella sua residenza Paisley Park, spuntano nuovi dettagli sul caso. Stando a quanto rivelato da alcuni atti giudiziari desecretati ieri, la polizia ha trovato nella casa della pop star una grande quantità di oppiacei. Diverse boccette di pillole riportavano sull'etichetta la dicitura Watson 853, l'identificatore per i farmaci generici a base di idrocodone-paracetamolo. Altri narcotici erano invece nascosti in contenitori di 'copertura', tra cui flaconi di vitamine, sparsi tra camera da letto e armadio.

Gli investigatori, si legge negli atti, sono stati "messi al corrente da alcuni testimoni che Prince nel periodo precedente alla sua morte aveva attraversato un periodo di astinenza e ricadute, che potrebbe essere il risultato di un abuso nell'utilizzo di farmaci". Dalle dichiarazioni giurate e dai mandati di perquisizione è emerso inoltre che alcuni dei forti antidolorifici trovati nell'abitazione del musicista, che si trova vicino a Minneapolis, erano accompagnati da prescrizioni fatte a nome del suo amico e guardia del corpo Kirk Johnson, probabilmente per salvaguardare la privacy di Prince. Sul punto, tuttavia, il legale del bodyguard ha rifiutato di rilasciare commenti.

I documenti svelati ieri comprendono anche ricerche fatte dal computer di Prince, comunicazioni telefoniche con amici e interviste con i suoi collaboratori. Dalle carte emerge che l'artista non utilizzava cellulari e che aveva numerosi account di posta elettronica con diversi alias.

Anche dopo aver scoperto la fornitura di oppiacei, che offusca l'immagine di un Prince dallo stile di vita sano e controllato, il lavoro degli investigatori non finisce qui. Manca, infatti, ancora un elemento importante per chiarire al meglio alcune dinamiche. La causa ufficiale della morte è stata attribuita al sovradosaggio accidentale di fentanyl, potentissima droga ritenuta 50 volte più forte dell'eroina, avvenuta per auto-somministrazione. Tuttavia, gli investigatori non hanno ancora identificato chi ha fornito all'artista la dose dell'antidolorifico rivelatasi poi fatale. Lo scorso ottobre, sempre stando a quanto riportato negli atti giudiziari, la polizia aveva definito l'indagine come "un caso di omicidio", ma nessuno è mai stato incriminato con questa accusa.

Scritto da 
  • Claudia Mingardi
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Laura Pausini prima donna sul palco del Circo Massimo: due live a Roma per lanciare il tour

Il 'Fatti sentire worldwide tour 2018' parte dal 26 luglio a Miami: per la cantante un totale di 47 concerti in tutto il mondo

FRANCE-MUSIC-FESTIVAL

Reunion degli Oasis lontana. Noel tace, Liam rassegnato: "Lo prendo per un 'no'"

Il 'messaggio di pace' via Twitter resta senza risposta. E la possibilità di rivedere i fratelli Gallagher sul palco sembra sempre più remota

Al via a Cardiff l'On the Run Tour di Beyonce e Jay-Z

Beyoncè vuole il Colosseo per un video ma c'è Alberto Angela: l'ironia dei social

Il divulgatore scientifico stava girando una puntata del suo programma "Meraviglie" all'interno dell'anfiteatro

Vasco Rossi -  Modena Park  Live 2017

Vasco Rossi dopo 40 anni di contributi va in pensione: ma non si ferma

E su Facebook scrive: "Io non mi muovo, io resto qui, sarebbe molto più semplice per me andare via"