Venerdì 29 Aprile 2016 - 08:30

Prince, mandato perquisizione per cercare farmaci in casa

Le autorità indagano per risalire alle cause della morte del cantante

Prince, mandato di perquisizione per cercare farmaci in casa

Le autorità che indagano sulla morte di Prince hanno ottenuto un mandato di perquisizione per la sua abitazione a Chanhassen in Minnesota, così come l'ordine di mantenere i risultati segreti. Lo ha riferito il sito web Tmz. L'autorizzazione è arrivata dal giudice distrettuale Eric Braaten. Secondo fonti non identificate citate da Tmz, le autorità vogliono cercare nella casa possibili prove tra farmaci, prescrizioni o informazioni mediche. Le autorità locali hanno richiesto l'aiuto dell'agenzia federale antidroga statunitense Dea per far luce sul decesso dell'artista. Sei giorni prima della morte, ha scritto Tmz, Prince fu ricoverato in ospedale per aver assunto Percocet in eccesso (un analgesico narcotico orale che contiene paracetamolo e ossicodone). Il cantante è morto all'età di 57 anni, secondo media statunitensi avrebbe avuto l'Aids. L'autopsia sul corpo è stata completata venerdì, ma ci vogliono giorni prima che si possa determinare la causa del decesso, settimane per gli esiti tossicologici. Le autorità, intanto, hanno fatto sapere che non hanno "ragioni per credere, attualmente, che si sia trattato di suicidio".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime