Lunedì 01 Maggio 2017 - 12:45

Primo maggio, scontri a Torino tra centri sociali e polizia

Lo spezzone sociale voleva raggiungere piazza San Carlo

Primo maggio, scontri al corteo tra centri sociali e polizia

Scontri e tensioni al corteo del primo maggio di Torino. All'imbocco di via Roma il corteo dei centri sociali ha cercato di raggiungere piazza San Carlo dove parlava la segretaria torinese della Cgil Enrica Valfrè. 

La polizia ha bloccato i manifestanti per impedire loro l'accesso in piazza. I dimostranti hanno così tirato uova contro le forze dell'ordine. Secondo quanto si apprende, le forze dell'ordine hanno caricato lo spezzone sociale. La Questura di Torino comunica: "Lo spezzone antagonista, composto da circa 200 persone, ha accelerato e cercato, all'altezza di via Cesare Battisti, di deviare dal percorso autorizzato. La forza pubblica si è frapposta e ha creato uno sbarramento. In testa allo spezzone, una ventina circa di persone travisate e armate di bastone, per tre volte hanno tentato di travolgere gli agenti posti a sbarramento, al fine di raggiungere il luogo dove si teneva il comizio, senza riuscirvi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti