Domenica 01 Maggio 2016 - 13:00

Primo Maggio, scontri a Torino tra polizia e antagonisti

Tentata aggressione al senatore Pd Stefano Esposito, noto per le sue battaglie a favore della Tav

Torino, scontri al corteo del Primo Maggio

Scontri tra manifestanti e forze dell'ordine stamattina in piazza Castello a Torino durante il tradizionale corteo del Primo Maggio. Nonostante la pioggia, centinaia di persone sono partite da piazza Vittorio Emanuele, ma in piazza Castello la tensione è salita alle stelle: un gruppo di manifestanti appartenenti all'area antagonista ha tentato di superare il cordone di agenti per raggiungere la testa del corteo, dove c'erano gli esponenti istituzionali tra cui il senatore Pd Stefano Esposito - componente della commissione Trasporti e noto per le sue battaglie a favore della Tav - e il sindaco Piero Fassino, già diretti verso piazza San Carlo dove è stato allestito il palco per gli interventi. C'è stata una carica di alleggerimento da parte della polizia, ma non ci sono stati feriti.

Un giovane, riuscito a intrufolarsi in testa al corteo, ha tentato di aggredire Esposito con un tubo di ferro: secondo la questura si trattava di un manico di scopa in alluminio. Il giovane è stato fermato dalla scorta del parlamentare e dalle forze dell'ordine che gli hanno tolto l'oggetto dalle mani ed è poi fuggito prima di essere identificato. Dopo qualche minuto di tensione il corteo ha potuto comunque riprendere il suo cammino.

Secondo quanto riferito dalla Questura un giovane è stato fermato e sono in corso gli accertamenti della Digos.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio