Lunedì 01 Maggio 2017 - 18:00

Primo maggio, 3 agenti feriti a Parigi. Istanbul, fermati in 165

In Francia un poliziotto è grave per le ustioni riportate. In Turchia il corteo si dirigeva verso piazza Taksim

Primo Maggio a Parigi, scontri tra polizia e manifestanti

Disordini al corteo del 1° maggio a Parigi, che si è svolto sotto rigide misure di sicurezza con oltre 9mila agenti dispiegati fra polizia, gendarmeria e militari. La marcia è partita poco dopo le 14.30 da place de la Republique, diretta verso Place de Nation passando per la Bastille: in coda si sono posizionati i manifestanti anti Front national di Marine Le Pen, mentre vicino alla testa del corteo ci sono degli anarchici e da qui sono partiti, secondo quanto riporta Le Parisien, lanci di bottiglie contro gli agenti. Bfmtv riferisce che le forze dell'ordine hanno risposto ai lanci di bottiglie e molotov con l'uso di lacrimogeni e hanno isolato dal corteo circa 150 persone che erano incappucciate. Feriti tre agenti di polizia, uno dei quali ha riportato gravi ustioni. Gli scontri sono avvenuti all'altezza di Bastille. All'inizio della manifestazione una persona è stata fermata perché portava con sé un'arma, di cui non viene precisato il tipo.

Marine Le Pen su Twitter è intervenuta per esprimere la propria solidarietà ai poliziotti feriti: "Sono questo caos e questo lassismo che non voglio più nelle  nostre strade", ha scritto. I sindacati francesi celebrano questo 1° maggio con posizioni divise a proposito delle elezioni presidenziali di domenica prossima: i riformisti hanno chiesto esplicitamente il voto per Macron in funzione anti Le Pen, ma quelli più a sinistra non vogliono essere associati al programma liberista di Macron, che criticano. In particolare Cgt e Fo, pur manifestando la propria forte opposizione a Le Pen, hanno mostrato resistenze a chiedere l'appoggio a Macron, seguendo la linea di Jean-Luc Mélenchon, candidato della sinitra radicale al primo turno che non è riuscito a passare al secondo. Sono questi sindacati che hanno sfilato a Parigi a partire da Place de la Republique verso Place de la Natione, passando per Bastille.
 

Loading the player...

La polizia ha usato gas lacrimogeni e proiettili di gomma a Istanbul per disperdere un gruppo di manifestanti che partecipavano al corteo del 1° maggio: i dimostranti si trovavano nel quartiere di Mecidiyekoy e stavano provando ad andare in direzione di piazza Taksim, dichiarata off-limits per le manifestazioni, mentre intonavano lo slogan 'Piazza Taksim è nostra e resterà nostra'. Lo riferisce a Reuters un testimone. Inoltre, secondo quanto riferisce il governatore di Istanbul le autorità hanno fermato oltre 165 persone in proteste in diverse zone della città, sequestrando 40 Molotov e 17 granate. Tra i fermati, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa turca Dogan, due dimostranti che erano riusciti a raggiungere piazza Taksim, diventata nel 2013 simbolo delle proteste anti Erdogan per settimane. Nel quartiere Besiktas, dove due anni fa la polizia usò cannoni ad acqua contro i manifestanti del corteo del 1° maggio che lanciavano sassi contro gli agenti, decine di persone sono state fermate perché anche in quel caso hanno provato a dirigersi verso Taksim.

 Quest'anno è atteso che le proteste del 1° maggio in Turchia siano più calme dal momento che i sindacati hanno annunciato che non tenteranno di marciare verso piazza Taksim. In città c'è un grande dispiegamento di polizia, anche con elicotteri che controllano le strade dall'alto. Le tensioni sono particolarmente alte nel Paese dopo che il 16 aprile ha vinto il sì nel referendum voluto dal presidente Recep Tayyp Erdogan per la riforma costituzionale che attribuisce maggiori poteri al capo di Stato.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, il racconto di un italiano: "È stato terribile"

Alessio Stazi, un ragazzo italiano, era sulle Ramblas durante l'attentato e racconta su Facebook la paura e la rabbia

Roma, la photocall del film 'Tutte Lo Vogliono'

Attentato a Barcellona, il cordoglio delle celebrità. Incontrada: "Terrore nel mio cuore"

Non solo Vanessa Incontrada. Da Jennifer Lopez a Fedez, gli artisti inviano amore e preghiere alle vittime e le loro famiglie

Segretario della Lega Nord Matteo Salvini partecipa al presidio per la chiusura della moschea di via Cavalcanti

Attentato a Barcellona, le reazioni della politica italiana. Salvini: "Niente pietà per questi vermi"

Il pensiero dei politici italiani a Barcellona, dopo l'attentato sulle Ramblas

Barcellona, auto sulla folla sulla Rambla

Attentato a Barcellona, van contro folla sulle Ramblas. Almeno 13 morti e 100 feriti

Isis rivendica l'attacco. La Farnesina conferma che c'è il rischio che alcuni italiani siano coinvolti