Domenica 06 Marzo 2016 - 13:30

Primarie Roma, file a gazebo: 20mila votanti alle 11

Le urne nella capitale sono aperte dalle 8 di questa mattina e chiuderanno alle 22

Roma, Primarie PD

File ai gazebo delle Primarie Roma 2016. Sono circa 20mila alle 11.00, secondo le stime, i romani che si sono recati a votare per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra. Le urne sono aperte dalle 8 di questa mattina e chiuderanno alle 22. Lo comunica il Comitato organizzatore. Unico inconveniente della giornata al seggio del VI Municipio, dove ignoti durante la notte hanno bloccato la porta del circolo mettendo del silicone nella serratura e imbrattando l'ingresso con dei manifesti, nonostante l'atto vandalico i volontari hanno riaperto il seggio e le operazioni di voto sono riprese regolarmente.

 

 "Voglio ringraziare i millecinquecento volontari che da ieri sera stanno lavorando per far sì che quella di oggi fosse una bella festa della democrazia. Le file ai seggi sono un bel segnale: chi pensava ad una scarsa partecipazione si dovrà ricredere", ha dichiarato Giancarlo D'Alessandro, presidente del Comitato Organizzatore.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale in aula al Senato. Con voti segreti verso la fiducia

Tra 180 e 200 le proposte di modifica con cui il testo arriva all'esame dell'assemblea

Roma, Terza Conferenza nazionale sulla famiglia

Bankitalia, Di Maio: "Boschi aguzzina". Lei: "Pronta a confronto tv"

Anche Mpd contro il sottosegretario: "Non deve partecipare a Cdm"

Referendum sull'autonomia, la riunione della giunta

Referendum, Zaia: "Pronti a trattare con il governo". Salvini: "Lezione di democrazia"

Maroni difende il voto elettronico: "Ha funzionato bene, è il futuro"

P.zza Montecitorio, presidio in favore del testamento biologico

Biotestamento, l'appello dei sindaci: "Legge subito in Senato"

Tra i firmatari Raggi, Appendino, Sala e de Magistris