Domenica 07 Febbraio 2016 - 21:00

Giuseppe Sala vince le primarie: è lui il candidato del centrosinistra a Milano

Balzani seconda. Renzi: In bocca al lupo a Beppe. Il vincitore dal palco: Ha vinto la città

Giuseppe Sala vince le primarie

Giuseppe Sala ha vinto le primarie del centrosinistra milanesi. Il commissario Expo, in virtù dei 24.961 voti presi alle primarie, pari al 42,28%, è stato proclamato dal palco dell'Elfo Puccini candidato del centrosinistra alla corsa per la poltrona di sindaco di Milano. Al secondo posto Francesca Balzani con poco più di 19mila voti, terzo classificato Pierfrancesco Majorino, ultimo l'outsider Antonio Iannetta.  Una standing ovation e i cori dei sostenitori "Beppe, Beppe", hanno scandito in sala l'annuncio della vittoria di Sala, che ha baciato e abbracciato anche Francesca Balzani, ha stretto la mano al sindaco Giuliano Pisapia e agli altri  competitor Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta.

 "Mi sento felice, è una responsabilità importante", ha detto il vincitore. "Milano ha completato per prima le primarie. Fatte bene, con quattro candidati e tanta gente", ha poi aggiunto, prima di concludere: " Domani si ricomincia". A chi gli chiedeva dei competitor Balzani e Majorino ha poi risposto: "Lavoreremo insieme, vedremo in che forma". 

Matteo Renzi  ha chiamato congratulandosi per il risultato che si delinea alle primarie per il candidato sindaco di Milano. È quanto si apprende da fonti del Nazareno. Occasione, viene spiegato, per fare un "in bocca al lupo a Beppe" e a Milano e i milanesi per la sfida per Palazzo Marino. "Ringrazio tutti coloro che hanno votato, i militanti e i volontari che hanno lavorato ai gazebo e i candidati che si sono confrontati sul futuro di questa grande città", ha commentato Renzi.

Neanche la pioggia riesce a fermare i milanesi che si sono messi in coda per votare alle primarie del centrosinistra. I 150 seggi aperti in circoli del Pd e Sel, circoli Arci, negozi, bar e perfino in vecchie latterie, hanno favorito l'affluenza al voto. Alle 16 avevano votato circa 42 mila milanesi e alla chiusura delle urne i votanti erano intorno ai 55mila, ben lontani da quota 67mila votanti registrati nel 2011, quando le primarie incoronarono Giuliano Pisapia come candidato sindaco arancione.La situazione è rimasta aperta fino all'ultimo, anche se il grande favorito è rimasto sempre lui, 'Mr Expo' Giuseppe Sala, tallonato da Francesca Balzani; a seguire Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta. Fotografia già scattata daagli exit poll realizzati dal Dipartimento di scienze sociali e politiche dell'Università di Milano, che hanno accreditato a Sala un risultato tra il 39% e il 42%, a Balzani tra il 32% e il 35%, a Majorino tra  23% e il 26% e a Iannetta tra lo 0 e il 2%.

 "Non avrei mai immaginato un risultato così straordinario. Ringrazio tutte le persone che mi sono state vicine in questo mese e mezzo di campagna e che mi hanno dimostrato che l'entusiasmo e il coraggio sono contagiosi. Messaggio forte e chiaro: questa città ha moltissima voglia di centrosinistra e di vederci uniti. È per questo che dobbiamo lavorare. Nel ringraziare tutti, tra cui Beppe per la vittoria, voglio dire che ho ricevuto molto di più di quello che ho dato", è il commento di Balzani.

 "E' molto bello essere qui dopo tutta questa strada di questi mesi, mi sono candidato da luglio", ha detto Majorino. "È stata una gran bella competizione leale nel centrosinistra che da domani deve andare avanti unito a sostegno del nostro candidato Beppe Sala", ha aggiunto. "Grazie a tutti i militanti poco noti del centrosinistra. Adesso tutti uniti per la vera sfida che dobbiamo vincere a giugno". "Grazie tantissimo a Antonio, Francesca e Beppe perché sono stato giorni intensi nei quali tra tutti ci siamo conosciuti di più, ora andiamo avanti insieme".
 

"C'è un popolo di centrosinistra che risponde e risponde bene. Penso che questa sera si debbano ringraziare i candidati per il lavoro che hanno fatto, i volontari che hanno messo in piedi questa macchina straordinaria. Ovviamente, io sono molto contento del risultato, perché penso che Beppe Sala è il miglior candidato che il centrosinistra possa esprimere", ha detto il ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina. "Credo - ha aggiunto - che da domani inizia un lavoro nuovo insieme".

Loading the player...

Ai seggi, dopo alcune presunte irregolarità segnalate ieri, specialmente con cittadini cinesi che si sono presentati con foglietti con scritto il nome del candidato preferito (spesso era quello di Sala) oggi i controlli sono stati più serrati. Nel seggio di via Giusti, nel cuore di Chinatown, ad esempio, hanno rimandato a casa tre o quattro votanti cinesi, che pur non parlando una parola di italiano, hanno cercato di esprimere la loro preferenza. "Era chiaro che erano stati imboccati da qualcuno - spiegano gli scrutatori - Non riuscivamo nemmeno a comunicare con loro e li abbiamo dovuti invitare ad andarsene". Episodi simili si sono registrati anche in altri seggi, dove alcuni votanti cittadini cinesi si sono scattati del selfie vicino alle cabine elettorali. Tra via Padova e via Niccolini ieri era stato allestito un gazebo che per tutto il giorno ha dato indicazioni - rigorosamente in mandarino - sulle procedure di voto.

Molti residenti a Milano di origine sudamericana, invece, si sono schierati a favore di Pierfrancesco Majorino, creando anche dei gruppi Facebook a favore dell'assessore al Welfare della giunta Pisapia, che ha svolto molte attività con le comunità straniere a Milano. Francesca Balzani, invece, ha incontrato diverse volte la comunità cingalese e quella rumena. Non saranno tuttavia i voti degli stranieri che vivono e lavorano a Milano a spostare l'esito del voto. Il voto dei non italiani, infatti, dai conteggi effettuati dal comitato organizzatore, non pesano più del 3 - 4% sul totale.

Moltissimi i milanesi che hanno affollato i seggi, specialmente nelle ultime ore. Adesso l'attesa del risultato si fa fremente. Al teatro Elfo Puccini, dove si segue in diretta lo spoglio dei voti, i cittadini arrivano alla spicciolata per vedere in diretta come andrà a finire la corsa per le primarie del centrosinistra milanese.

Loading the player...
Scritto da 
  • Benedetta Dalla Rovere Luca Rossi e Marco Valsecchi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

"La sinistra, ormai, è in larghissima parte con noi"

Roma 2024, Campidoglio approva mozione per No a candidatura

Roma 2024, Campidoglio approva mozione per No a candidatura

I votanti erano 42: favorevoli 30, contrari 12, nessun astenuto

Dimissioni del ragionere generale, Campidoglio: Non risultano

Dimissioni del ragioniere generale, Campidoglio: Non risultano

Giallo sulla rimissione del mandato da parte di Stefano Fermante, non confermate dal Comune

Lorenzin ribadisce: Nessuna correlazione tra autismo e vaccini

Lorenzin ribadisce: Nessuna correlazione tra autismo e vaccini

La ministra torna sul caso dopo le polemiche sul film 'Vaxxed'