Giovedì 22 Marzo 2018 - 14:30

Presidenze, fumata nera da capigruppo. M5s non discute con Berlusconi: "Salvini è il leader"

Intanto il Pd non ci sta a fare da ruotino di scorta e rilancia: "Aperti al dialogo se si riparte da zero e con tutti"

Camera dei Deputati - Preparativi in vista della prima seduta della XVIII legislatura

E' stallo tra i partiti. L'assemblea tra le diverse forze politiche per trovare una soluzione comune è sostanzialmente fallita. Ogni decisione sulle presidenze delle Camere è rimandata al giorno in cui in entrambi i rami del Parlamento si comincerà a votare per eleggere i successori di Laura Bodrini e Pietro Grasso. Ed è probabile che almeno nelle prime votazioni le schede bianche saranno numerose e non proverranno da un solo schieramento.

Dalla riunione di tutte le forze politiche convocata dal M5S in tarda serata a Montecitorio è uscito un sostanziale nulla di fatto, anche perché i Cinquestelle si sono rifiutati di discutere con il leader di Forza Italia. "Per noi è inaccettabile che loro non vogliano sedersi al tavolo con Berlusconi", ha tuonato Renato Brunetta.  D'altronde, subodorando il trucchetto, in un primo momento gli azzurri sono stati in forse sul partecipare o meno all'assemblea che di fatto ha sancito la rottura del centrodestra con il Movimento Cinquestelle. La Lega infatti ribadisce il nome di Paolo Romani, rinsaldando l'asse con l'alleato Forza Italia. Dai pentastellati intanto arriva il commento del capogruppo Danilo Toninelli che motiva il 'no' a Silvio Berlusconi in quanto il leader del centrodestra è ora Matteo Salvini e assicura che Luigi Di Maio sarebbe pronto a incontrarlo. Ma proprio il segretario del Carroccio assicura che al momento del voto  la coalizione sarà compatta, quindi se nulla cambia, Romani al Senato e Giorgetti alla Camera. Insomma, se il M5S voleva mettere nell'angolo l'ex Cavaliere pare proprio non esserci riuscito.

Per il segretario reggente Maurizio Martina "un gioco di veti e controveti ha bloccato tutto", e non per responsabilità del Pd che si era dimostrato disposto al dialogo con tutti purché si ripartisse da zero, come aveva ribadito anche Ettore Rosato. "Chiedevamo un salto di qualità che non c'è stato", commenta il reggente. Ora si riaffaccia la possibilità che al Pd venga offerta addirittura una presidenza, dal centrodestra o dai Cinquestelle, e proprio i Dem potrebbero fare da ago della bilancia, ma ogni decisione è rinviata all'ultimo minuto. Sta di fatto che il nome di Dario Franceschini viene ripescato, e nelle ultime ore era emerso anche quello di Emma Bonino, che potrebbe non essere inviso al M5S. Anche se l'ipotesi più probabile resta quella che al Pd vada una vicepresidenza.

Negli stessi minuti in cui la riunione collettiva si scioglie e i rappresentanti delle diverse forze politiche dicono ciascuno la sua, arriva puntuale la enews di Matteo Renzi che ribadisce: "Mi pare che nel PD siamo tutti d'accordo sullo stare all'opposizione. Hanno vinto loro, tocca a loro: il Movimento Cinque Stelle è risultato il primo partito. Il Centrodestra è risultata la prima coalizione. Tocca a loro. Noi saremo seri e faremo un'opposizione intelligente". Un colpo di coda da maestro.

Scritto da 
  • Elisabetta Graziani e Dario Borriello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"