Venerdì 31 Marzo 2017 - 15:15

Prato, uomo morto davanti al tribunale: probabile rapina

Leonardo Lo Cascio lavorava come portiere notturno in un hotel

Prato, uomo morto davanti a tribunale: rapina probabile movente

L'uomo trovato morto ieri sera a Prato, nel piazzale davanti al tribunale, si chiamava Leonardo Lo Cascio e lavorava, come portiere notturno part time,in un hotel della zona. Ieri sera, da quanto emerso dalle indagini, condotte dai carabinieri,  Lo Cascio stava andando a lavorare ma, una volta sceso dall'autobus, sarebbe stato aggredito, con un colpo alla gola, probabilmente con un  cacciavite. Probabile movente la rapina, visto che alla vittima erano stati portati via lo zainetto e il portafogli, ritrovati successivamente dagli investigatori in una campana per la raccolta del vetro.

I carabinieri stanno visionando immagini riprese da telecamere di sicurezza, poste nella zona del tribunale. I video mostrerebbero un uomo che segue Lo Cascio sceso dall'autobus, ma non riprenderebbero il momento del delitto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Navi Open Arms sbarcate a Palma: a bordo i due corpi e Josefa. Ong denuncia Libia e Italia per omicidio colposo

I cadaveri della donna e del bimbo, recuperati a largo delle coste della Libia, erano stati ripresi in un video choc pubblicato dall'ong su Twitter. La superstite tratta in salvo sarà affidata alle cure mediche. Nuovo sbarco a Lampedusa

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie